il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CORTE DE' CORTESI

Nuovo furto, sale la preoccupazione

I ladri sono entrati nell'ex abitazione, ora ufficio, del titolare del Mobilificio Maiandi. Nei giorni scorsi in paese altri due episodi

Nuovo furto, sale la preoccupazione

Una delle stanze messe a soqquadro dai ladri

CORTE DE’ CORTESI — I ladri forzano una porta finestra, entrano nell’ex abitazione di Giuseppe Maiandi, titolare dell’omonimo mobilificio, e dopo aver messo a soqquadro la casa e sottratto gli oggetti di valore spariscono nel nulla. E’ successo nella notte tra venerdì 6 e sabato 7 novembre e come sottolineato dal proprietario, il danno più che economico è morale: «Mia moglie — spiega Maiandi —, si è messa a piangere quando ha visto la casa in queste condizioni. Ora abitiamo in paese e qui c’è solo il mio ufficio, ma quando toccano qualcosa di tuo provi una grande rabbia. Mentre guardo questi cassetti mi immagino i malviventi che rovistano tra le nostre cose. E’ una sensazione sgradevole, che non auguro a nessuno. Adesso ho chiuso l’edificio e nei prossimi giorni cercheremo di capire cosa hanno effettivamente rubato». La gang non è entrata all’interno del negozio, limitandosi a rovistare nelle stanze dell’abitazione. La casa, direttamente collegata con il mobilificio, è però disabitata da sette anni. «Dopo la scomparsa di Floriano Soldi, marito di mia figlia, ci siamo trasferiti in paese. Fortunatamente nessuno si è fatto male, anche se la preoccupazione resta. Hanno rotto la vetrinetta delle mie medaglie, buttato all’aria i documenti e creato un gran caos. Il dispiacere c’è ed è tanto». Allertati in mattinata, i Carabinieri di Robecco d’Oglio sono intervenuti per i rilievi del caso. Un colpo andato a segno che segue il tentativo di furto avvenuto meno di una settimana fa al bar ‘La Pesa’ di Cignone. Se ai due episodi si aggiunge anche il faccia a faccia con quattro malviventi che giorni scorsi ha coinvolto una 47enne di Cignone, allora il quadro diventa preoccupante.

07 Novembre 2015

Commenti all'articolo

  • They

    2015/11/09 - 06:06

    Finchè ci saranno leggi che proteggono i delinquenti questo sarà il risultato...

    Rispondi

  • enrico

    2015/11/08 - 15:03

    Bisognerebbe denunciare lo stato che non è in grado di difendere i cittadini onesti e non denunciare chi in casa propria si difende.

    Rispondi

    • They

      2015/11/09 - 06:06

      Una piccola precisazione: bisogna denunciare i politici governanti non lo stato.

      Rispondi

  • gino

    2015/11/08 - 13:01

    ringraziate i giudici e politici

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000