il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


SAN DANIELE PO

Auto a 100 all'ora, ecco i 'Velo ok'

Verranno installate sei colonnine agli ingressi del paese. Il sindaco Persico: niente cassa, solo prevenzione

Auto a 100 all'ora, ecco i 'Velo ok'

Una delle vie d'ingresso a San Daniele

SAN DANIELE PO — La prossima settimana verranno installati sei ‘Velo ok’ ai tre ingressi del paese contro le auto che sfrecciano a tutta velocità nel centro abitato. Il mese scorso sono state effettuate delle rilevazioni non sanzionatorie per verificare a che velocità, quanti e quali mezzi attraversano il paese. «Abbiamo deciso di avviare in via sperimentale il progetto NoiSicuri — spiega il sindaco Davide Persico — per cercare di dare una risposta ai cittadini che da tempo chiedono maggiore sicurezza. I dati delle velocità di transito sul nostro territorio, con punte ben oltre i cento chilometri all’ora soprattutto nelle ore serali, giustificano l’allarme e spiegano i ‘Velo ok’». In sostanza, verranno posizionate sei colonnine arancioni all’interno delle quali, a sorpresa, gli agenti della polizia locale potranno collocare un autovelox per rilevare la velocità e sanzionare gli automobilisti che superano i 50 chilometri orari. Verranno installate a coppie in via Marconi, via Faverzani e via Fontana su entrambi i sensi di marcia, ma potranno entrare in azione solo con la presenza di una pattuglia della polizia locale. «Non vogliamo fare cassa — spiega il primo cittadino — e questo primo mese di rilevazione della velocità senza emettere sanzioni, lo dimostra. Dopo l’installazione dei velo ok inizieranno i controlli con le relative multe in caso di infrazioni. Vi sarà poi una terza fase, di nuovo senza elevare sanzioni, in cui valuteremo i benefici di questo progetto e se mantenere la presenza delle apparecchiature sul territorio comunale». Sono poi previste anche lezioni di educazione stradale nelle scuole. Il direttore del progetto ‘Noisicuri’ Paolo Goglio spiega «L’efficacia dei sistemi di deterrenza della velocità sono ormai noti a tutti, ma ci auguriamo che anche le iniziative di natura culturale incontrino l’adesione e il gradimento dei cittadini e degli studenti: la sicurezza dei territori si costruisce solo con la condivisione e l’impegno di tutti».

06 Novembre 2015

Commenti all'articolo

  • arcelli

    2015/11/08 - 03:03

    Utilissime le finte colonnine vuote,oramai lo sanno anche i sassi. Ecco come buttare soldi pubblici. Comprate delle fioriere piuttosto

    Rispondi

  • Artur

    2015/11/07 - 15:03

    Solo qualche anziano e qualche disinformato può ancora rallentare in prossimità dei Velo Ok o degli Speed Check perché è noto che sono vuoti e solo la presenza VISIBILE dei vigli significa che all'interno c'è l'autovelox; quindi questi strumenti non servono a niente e sono solo spese per il contribuente comunale in quanto il loro noleggio costa un sacco di soldi. Inoltre credo non siano nemmeno previsti dal codice della strada per cui sono fuori legge.

    Rispondi

  • VINICIO

    2015/11/07 - 13:01

    Non è certo questo il modo per rendere responsabili gli italiani!!!!! Necessiterebbe un CORSO di rispetto e responsabilità a tutti quanti!!!!!

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000