il network

Domenica 11 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Ragazze portate via a forza, pistola contro un testimone

Teatro della sconcertante vicenda via Mantova, il 30enne voleva intervenire dopo aver visto due giovani "bloccate sul marciapiede, spinte su un'auto e picchiate'

Ragazze portate via a forza, pistola contro un testimone

Posto di blocco allestito in via Mantova a Cremona

CREMONA - Due ragazze bloccate e agguantate sul marciapiede, portate via a forza, trascinate e fatte salire su un’auto. Poi, all’interno dell’abitacolo, ancora spinte e strattoni, per far star buone le due giovani donne. A seguire, quando un passante, incredulo, si avvicina per capire quel che accade e fare la sua parte da cittadino, con in mano un telefono cellulare che potrebbe usare per fare una foto alla targa del veicolo, altro colpo di scena: uno dei due uomini lo vede lì a due passi, scende dall’auto, tira fuori una pistola e intima al passante di andarsene.

Sequenze che lasciano senza parole quelle avvenute domenica 1 novembre, a metà mattinata, in via Mantova. Il testimone minacciato è un cremonese di circa trent'anni che sta valutando in queste ore la possibilità di sporgere denuncia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

04 Novembre 2015

Commenti all'articolo

  • arcelli

    2015/11/05 - 15:03

    A spanne direi albanese o rumeno? Avrô indovinato? E poi saremmo razzisti. I nostri amministratori comunisti meritano di essere aggrediti da questi qua,magari poi la smettono di fare gli ideologhi e filosofi

    Rispondi

  • arcelli

    2015/11/05 - 15:03

    Denuncia?in Italia? Ad un criminale rumeno o albanese armato? Se la fa è scemo. Lo Stato non esiste e sarebbe in pericolo di vita poi. La denuncia si fa in un Paese che ti tutela e protegge e che non lascia liberi di scorazzare pregiudicati stranieri armati. In Italia denunciare è solo una perdita di tempo e un rischio

    Rispondi

  • renzo

    2015/11/05 - 10:10

    Valutare se fare denuncia? LA DEVE FARE Ha tutto il nostro appoggio, purche' gli inquirenti e la magistratura, poi, sappiano garantire la sua incolumita' sul fatto di aver fatto il.proprio dovere

    Rispondi

  • enrico

    2015/11/05 - 09:09

    Denuncia e dopo! Secondo voi uno che va in giro con la pistola si fa intimidire dalla denuncia o dalle conseguenze che può avere dalle nostre leggi . Sarei curioso di sapere la nazionalità.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000