il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


COMMERCIO AL VOTO

Ecco la squadra di Marchesi. Attacco immediato alla Ztl

La lista 'Cremona siamo noi' ha presentato i candidati in vista delle elezioni dei vertici delle Botteghe del Centro

Ecco la squadra di Marchesi. Attacco immediato alla Ztl

La Notte Bianca organizzata da Botteghe del Centro

CREMONA - Ufficialmente confermata l’indiscrezione che voleva Eugenio Marchesi candidato presidente, mercoledì 4 ottobre, a cinque giorni dal voto di lunedì 9 novembre, anche Confcommercio ha scoperto le carte in vista del rinnovo dei vertici di Botteghe del centro presentando la squadra che affiancherà il titolare di ‘D&M Generazione 3’. ‘Cremona siamo noi’ il nome del gruppo. Slogan: ‘Per un centro vivo con le nostre attività’. Proveranno a rilanciarlo in undici: nomi noti e già da tempo impegnati in associazione, come Marco Stanga, fino a qualche settimana fa indicato come probabile leader, Pierluigi Bonardi di Visionottica e Nadia Bragalini, di ‘G&G Consulenza e sviluppo’, presidente del Gruppo Terziario Donna ; poi Claudia di Battista di Intimissimi, la grafica Pamela Pini, Corrado Rastelli della gioielleria, Francesca Galli di ‘Fratello Sole Sorella Luna. In lista anche Ambra Mazzolini del Chocabeck, Antonio Colace di ‘The Wall-Idee per vestire le pareti’ e Maia Kabenova de L’Emporio di Cremona. Programma in cinque punti: primo affondo contro la Ztl e, di riflesso, contro l’amministrazione che l’ha elaborata.

"L’accessibilità della città - è la dichiarazione del gruppo Cremona siamo noi - i piani della viabilità e della sosta, come è evidente, rappresentano un tema importante della vita di Cremona e delle nostre imprese. Ed è giusto che trovino spazio nel nostro programma. Ma è necessario ribadire che la soluzione deve arrivare dal dialogo, dal confronto sereno e costruttivo con il Comune e con tutti i portatori di interesse. Ascolto e confronto, valorizzazione delle esperienze, sono le parole chiave della nostra squadra. Vogliamo parlare con i commercianti, con le Associazioni, con le Istituzioni. Non servono le barricate, non vogliamo alcuno scontro. Ci anima la voglia di costruire insieme, di lavorare per la valorizzazione della città. Senza essere subalterni ma con la responsabilità di dare voce alle imprese. E facciamo nostre le parole del programma elettorale del sindaco: “Occorre adottare metodi di lavoro volti all’ascolto e all’assunzione di decisioni condivise, puntando a un autentico lavoro di rete fra commercianti, gruppi di commercianti, associazioni. Serve un nuovo patto fra commercianti e fra commercianti e amministratori” Noi siamo pronti. Con fiducia e lealtà, rispetto e volontà ferma di collaborare".

Leggi di più su La Provincia di giovedì 5 novembre 2015

04 Novembre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000