il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA AL SETACCIO

Piazza Roma, controlli a tappeto

Blitz della polizia con varie pattuglie mobilitate, identificate venti persone. Nel gruppo anche un sorvegliato speciale

Piazza Roma, controlli a tappeto

I controlli della polizia ai giardini di piazza Roma

CREMONA - Proseguono i servizi di controllo del territorio disposti dal questore Gaetano Bonaccorso. E ancora una volta le attenzioni degli uomini in divisa si concentrano sui giardini di piazza Roma, il cuore della città, di recente teatro di ripetute situazioni di tensione e di episodi di degrado, quasi sempre accompagnati dalle proteste di molti residenti. Il tutto sfociato nella maxi rissa avvenuta alcune settimane fa, che ha visto l’intervento congiunto di polizia e carabinieri. Alla fine dell’esplosione di violenza, a terra c’era un tappeto di cocci di bottiglia, a conferma dell’alto tasso alcolico di alcuni dei frequentatori di quella porzione della città. Lunedì 14 settembre gli agenti della questura, in particolare gli uomini della squadra volante, sono piombati nell’area verde, da più direzioni, ed hanno concentrato le loro attenzioni, in particolare, sulle persone presenti alle montagnole. Lì hanno bloccato e identificato una ventina di uomini, molti dei quali noti (alcuni perché consumatori di sostanze stupefacenti). E’ spuntato anche un uomo che, sottoposto alla misura della sorveglianza speciale, non poteva trovarsi lì. Nei suoi confronti sono scattate le segnalazioni di rito. Il messaggio lanciato dai poliziotti, per l’ennesima volta, è stato inequivocabile e si riassume così: non è tollerabile che porzioni della città, grandi o piccole, centrali o periferiche, restino nel degrado, fuori controllo. I servizi disposti dal questore Bonaccorso hanno da subito incontrato il favore di tanti cittadini, a cominciare da coloro che risiedono nelle zone in cui si verificano situazioni di tensione, ‘convivenze difficili’ o dove stazionano gruppi di persone che alzano il gomito in maniera sistematica. In tutte quelle zone, gli agenti hanno moltiplicato le loro presenze e i loro controlli. Pochi giorni fa decine di persone sono state identificate nei giardini antistanti la stazione ferroviaria. Anche lì, di recente, ci sono state varie segnalazioni per i comportamenti sopra le righe di persone che bivaccano sull’erba, sotto gli alberi o a fianco del monumento a Giuseppe Garibaldi, come se quello fosse un campeggio. Altra zona super presidiata quella vicina al Po, a partire da parco Sartori. Anche lì presenze, passaggi delle pattuglie e controlli sono stati incrementati. E i risultati si sono visti.

16 Settembre 2015

Commenti all'articolo

  • They

    2015/09/17 - 06:06

    Lodevole iniziativa, peccato che non sia assecondata da una legislatura seria che permetta di sradicare definitivamente questa gramigna...

    Rispondi

  • Claudio

    2015/09/16 - 15:03

    WOW...quindi....con queste segnalazioni....Cremona è davvero più sicura!!!

    Rispondi

  • arcelli

    2015/09/16 - 12:12

    loro li identificano e poi i magistrati solerti con le leggi ridicole che abbiamo,li scacerano immediatamente.E Renzi riforma la legge elettorale,il Senato etc etc etc,tutte cose che interessano molto e si vedono i risultati nelle nostre città............

    Rispondi

  • arcelli

    2015/09/16 - 11:11

    Gli stranieri denunciati saran spaventati e impauriti per le severe ed efficaci leggi italiane. Son certo che non si faran piû vivere. Haha ridicoli magistrati e ridicolo Stato!!!!

    Rispondi

  • arcelli

    2015/09/16 - 11:11

    La tregua durerà 2 gg,vergogna!! Ma cosa fan arrivare decine e decine di sbandati e delinquenti a Cremona,se poi non sono in grado di garantire l'ordine pubblico? Già il centro fa schifo ed è in mano agli africani

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000