il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASTELLEONE

Abbatte il semaforo e scappa

E' successo domenica notte all’incrocio per Pradazzo. Danni alla recinzione di una villa

Abbatte il semaforo e scappa

Il semaforo abbattuto

CASTELLEONE — Abbatte un semaforo (che finisce nel giardino di un’abitazione) e poi scappa. Senza avvisare nessuno. Ammesso si tratti di un incidente, e non di un atto vandalico deliberato, lo schianto risale a ieri notte. Intorno alle 2, all’incrocio tra via Pradazzo e piazza Fepenica, i residenti hanno avvertito un tonfo proveniente dalla strada, e al risveglio hanno trovato uno dei semafori divelto e ‘appoggiato’ contro la recinzione di una casa. In assenza di testimoni che abbiano assistito alla scena, si può solo ragionare sulle ipotesi e la più accreditata è quella della manovra di un’auto pirata. Con ogni probabilità, il conducente ha affrontato la curva a velocità sostenuta e non è più stato in grado di governare il veicolo, che ha poi colpito il dispositivo disseminandone i pezzi un po’ ovunque. A quel punto, sarebbe stato opportuno fermarsi, anche per assumersi le proprie responsabilità, ma evidentemente l’autore della ‘prodezza’ ha preferito optare per la fuga.
Non è la prima volta che i proprietari della villa in questione si ritrovano con la recinzione danneggiata. Quattro anni fa, un’auto (sempre di sera) l’ha proprio abbattuta, facendo irruzione nel loro cortile. Già allora i residenti avevano chiesto al Comune di tenere in funzione il semaforo 24 ore su 24 ma la risposta era stata negativa, tant’è che di notte le luci rosse e verdi lasciano il posto a quella gialla lampeggiante. Ora però, sulla scorta di quest’ultimo episodio, il problema sicurezza si ripropone: «Parliamo a nome anche dei residenti di Pradazzo e Molino Becchetto — spiegano —: attraversare l’incrocio a semaforo spento è agevolare come vincere un terno al lotto: va tenuto in funzione sempre».
Nel frattempo la famiglia che si è ritrovata cocci di plastica e vetro in giardino ha avvisato la polizia locale, che oltre ad aver avviato le indagini alla ricerca dell’auto ‘fantasma’, ha subito provveduto alla sostituzione del dispositivo.

14 Settembre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000