il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Solo a Cremona i quadri si ascoltano

Le iniziative per il ritorno da Expo del dipinto de l’Arcimboldo

Solo a Cremona i quadri si ascoltano

CREMONA - Solo a Cremona i quadri si ascoltano. La città festeggia il ritorno da Expo del quadro Scherzo di ortaggi, meglio noto come L'Ortolano, di Giuseppe Arcimboldo, detto L'Arcimboldo, con un importante concerto che lancia due interessanti e innovative iniziative legate a questo dipinto che ha ispirato la mascotte di Foody: Pioggia sonora e ARTUNE. Nel frattempo, al Padiglione Italia, sino alla fine di ottobre, la potenza della bellezza dell'Arcimboldo lascia il posto ad un'icona di eccellenza del saper fare di Cremona: è infatti esposto nella sala che ospita autorità e delegazioni internazionali il violino Clisbee di Antonio Stradivari (1669), strumento della collezione del Comune di Cremona, custodito nello Scrigno dei Tesori del Museo del Violino.

Dopo che il dipinto, al Padiglione Italia, è stato ammirato da capi di Stato, importanti esponenti del mondo della cultura e dell'economia a livello internazionale, il Comune di Cremona si è fatto promotore di una serie di iniziative, tra le quali spicca un grande evento, dal titolo 'Conciorto' in programma il 5 settembre nel cortile del Museo Civico, e con una veste certamente insolita: grazie ad una particolare installazione, Pioggia sonora, il visitatore della Pinacoteca che si avvicinerà al dipinto verrà sorpreso dalla musica come 'critica sonora' scelta appositamente Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali dell'Università di Pavia.

Questo accanto ad ARTUNE, innovativo progetto di storytelling musicale per l’arte che coinvolge capolavori, musica e web, creando una nuova forma di narrazione delle opere attraverso un percorso già fruibile dal 1° luglio 2015 mediante Spotify, la popolare piattaforma di streaming musicale, coinvolgendo artisti come Gianni Morandi, Francesco Renga, Elio, Fiorella Mannoia, Nicolò Fabi, Caparezza, Giuliano Sangiorgi, Franz di Cioccio, la Banda Osiris e Frankie Hi-Nrg Mc, ideatore del progetto insieme a Materie Prime Circolari snc (www.artune.it).

Ma non solo musica per salutare il ritorno de L'Arcimboldo. Il Centro Fumetto “Andrea Pazienza”, in collaborazione con Sergio Bonelli Editore (il più importante editore italiano del settore), ha realizzato infatti un piccolo album a fumetti che parla proprio di questo quadro e del suo particolare autore. L'albo è intitolato per l'appunto Il ritorno dell'Ortolano e contiene una breve storia di cui è protagonista Martin Mystère, il detective dell'impossibile creato dal vulcanico sceneggiatore Alfredo Castelli. Il ritorno dell'Ortolano uscirà il 5 settembre e sarà in vendita anche alla biglietteria del bookshop del Museo Civico. All'ingresso del museo sarà inoltre allestita una piccola mostra che consentirà ai visitatori di ammirare le tavole originali del fumetto. La mostra sarà abbinata alle realizzazioni del progetto Arcimboldo in 3D curato dal Liceo Artistico “Bruno Munari”.

E proprio gli allievi Liceo Artistico “Bruno Munari” sono gli autori delle opere, sempre ispirate all’Ortolano, che saranno esposte dal 5 settembre al 9 ottobre al Museo Civico nella mostra, appositamente allestita, dal titolo L’Arcimboldo secondo “Il Munari”.

Inoltre, a corollario, venerdì 11 settembre, alle ore 18, sempre al Museo Civico “Ala Ponzone”, con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Cremona, viene presentato, a cura dell'Associazione pAssaggi, il libro Arcimboldo, gustose passioni (Cairo editore), scritto da Ketty Magni. Sarà presente l'autrice intervistata dal giornalista Marco Bazzani. Partecipa l'attrice Daniela Coelli. Il libro racconta in forma romanzata la vita dell'autore del dipinto esposto nella Pinacoteca, tra realtà e fantasia, attraverso le parole di una scrittrice che da anni, con i suoi libri, si muove tra storia, arte e cucina. Si tratta di un appuntamento con gli autori all'interno della rassegna Tavole Abitate. Gusto e disgusto, delizie e sofferenze del palato.

Infine, sempre venerdì 11 settembre, spazio ai giovani e alla contaminazione con l'arte contemporanea in un evento promosso da Pro Cremona e Archvoyage con la collaborazione di Giochi di Luce. Alle 19,30, nel cortile del Museo Civico “Ala Ponzone”, sette artisti, di età compresa tra i 18 e i 35 anni, selezionati da Federico Di Gesù e Nicholas Sudati di Whatsart, esporranno al pubblico le loro opere. Seguirà la presentazione dei primi sei artisti presenti all’evento, e poi il progetto Sottosopra realizzato da Archvoyage, gruppo di studenti del Politecnico di Milano sede di Piacenza. Grazie ad un'installazione, un cubo costituito da un gazebo con teli di proiezione posizionato al centro della corte, sarà possibile vedere alcuni video girati in territorio cremonese tutti ispirati all’immagine rovesciata del quadro de l’Arcimboldo. Un particolare suggestivo: vi sarà la possibilità di entrare nel cubo osservando il progetto nella sua totalità e tridimensionalità. Durante tutto l’evento aperitivo accompagnato da un DJ-set.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

01 Settembre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000