il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


OPERAZIONE AEMILIA

Mafia al Nord, 219 richieste di rinvio a giudizio

Verso il processo per i presunti affiliati alla 'ndrangheta operativi tra Cremonese e Piacentino

Mafia al Nord, 219 richieste di rinvio a giudizio

Un agente della Dia

CREMONA - Chiuse le indagini sul secondo filone di inchiesta solo quattro giorni fa, la Direzione distrettuale antimafia di Bologna ha formalizzato giovedì 27 agosto le richieste di rinvio a giudizio per i coinvolti nell’operazione Aemilia, il blitz con cui, lo scorso gennaio, i carabinieri hanno chiuso il cerchio intorno a presunti affiliati alla ‘Ndrangheta calabrese attivi fra Lombardia ed Emilia e, in particolare, anche fra Cremona, il Cremonese e la Bassa Piacentina, nello specifico tra Castelvetro e Monticelli d’Ongina. I pubblici ministeri Marco Mescolini, Beatrice Ronchi ed Enrico Cieri, con il visto del procuratore aggiunto reggente coordinatore della Dda, Massimiliano Serpi, hanno domandato il processo per 219 persone e, rispetto agli avvisi di fine giugno, sono state stralciate cinque posizioni per un vizio di notifica. Per tutti gli altri, si avvicina il maxi processo: gli spazi fieristici del capoluogo emiliano trasformati in aula per la prima, grande, resa dei conti giudiziaria con la mafia del nord. Alla sbarra la criminalità organizzata che ha allungato i suoi tentacoli in Pianura Padana. E’ proprio lì, nei territori a cavallo del Po, lungo una sponda e sull’altra, che secondo l’accusa avrebbe saputo ramificarsi, e radicarsi negli anni, dai primi Novanta in poi, il sodalizio ritenuto direttamente collegato alla cosca Grande Aracri di Cutro (Crotone) e al suo boss indiscusso, Nicolino. Nel mirino, la gestione e il controllo di attività economiche e appalti pubblici e privati.

Leggi di più su La Provincia di venerdì 28 agosto 2015

27 Agosto 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000