il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Attacco al ripetitore, video al setaccio

Confermato il dolo, il rapporto dei vigili del fuoco giunto negli uffici della Digos. Si cerca di individuare gli autori

Attacco al ripetitore, video al setaccio

I vigili del fuoco e la scritta sull'asfalto

CREMONA - L’inchiesta sull’attacco incendiario al ripetitore telefonico all’incrocio tra via Castelverde e via Diotti, nella parte Est del Cambonino, è iniziata ufficialmente venerdì 21 agosto, con il deposito in questura, negli uffici della Digos, del rapporto dei vigili del fuoco nel quale, nella sostanza, si accredita con forza l’incendio doloso (pur non escludendo al cento per cento un corto circuito). Di pari passo gli agenti della Digos, in questi giorni coordinati dal sostituto commissario Valerio Manara, hanno continuato a lavorare sulla scritta, lunga poco meno di dieci metri, comparsa sull’asfalto (‘Vendetta per Emilio’), fatta con uno spray nero, in stampatello. Quelle tre parole farebbero pensare a un’azione riconducibile agli ambienti più determinati dell’antagonismo. Detto questo, siamo soltanto alle ipotesi investigative, che, tra l’altro, non escludono direttrici di segno differente, se non opposto. Per quel che riguarda il fronte ‘canonico’ delle indagini, una carta tutta da giocare, per gli inquirenti, è quella delle riprese video registrate dagli impianti di videosorveglianza in tutte le zone circostanti quella in cui è avvenuto il raid incendiario. Se si allargano le maglie, ce ne sono diversi, di occhi elettronici, anche alcuni di quelli guidati dalla centrale operativa della polizia locale (che hanno ampia possibilità di zoom).

Leggi di più su La Provincia di sabato 22 agosto 2015

22 Agosto 2015

Commenti all'articolo

  • arcelli

    2015/08/21 - 19:07

    in balia di un gruppo di deficienti e parassiti sociali.Una città imbrattata di continuo,ferita e nessun colpevole.Come sempre................per me questo demente che sarà costato migliaia di euro alla collettività,poteva anche non farcela...............in vita sua avrà fatto danni per altre migliaia di euro,che senso ha uno così?

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000