il network

Venerdì 02 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Il ladro a casa dello spacciatore

Il vicino è a Ca' del Ferro, lui tenta di razziargli l'appartamento ma viene sorpreso con le mani nell'armadio: arrestato dai carabinieri

Il ladro a casa dello spacciatore

Una gazzella dei carabinieri

CREMONA - Fa il ladro a casa del vicino, temporaneamente a Ca' del Ferro per aver violato gli arresti domiciliari, a suo tempo scattati nei suoi confronti per reati legati al traffico di droga. Ha dell’incredibile la vicenda portata alla luce nella notte tra martedì 18 e meercoledì 19 agosto dai carabinieri della compagnia di Cremona, retta in queste settimane dal luogo tenente Angelo Foglia. Tutto è avvenuto in una palazzina di via Novasconi, una stradina che si trova non distante da via Brescia e da via Novasconi. E’ circa mezzanotte quando alcuni inquilini sentono dei rumori provenienti dall’appartamento in cui abita l’uomo che dai primi di agosto è a Ca' del Ferro (dopo essere stato trovato fuori casa durante un controllo). Gli inquilini, preoccupati, non esitano a prendere il telefono e ad avvertire la centrale operativa dell’Arma, spiegando ai militari che tutto fa pensare a un furto in atto. Le pattuglie dei carabinieri, che in quel momento sono impegnate nel maxi servizio coordinato di controllo del territorio, impiegano pochi secondi a raggiungere la palazzina di via Novasconi. Sono così veloci che trovano il ladro all’opera. Con le mani allungate in un armadio. La situazione è inequivocabile ma di lì a poco diventa veramente sorprendente quando viene a galla che l’uomo appena bloccato, L.F., 41 anni, abita al piano di sopra. Lui prova a difendersi dicendo che è entrato nella casa perché ha sentito dei rumori ed ha temuto che vi fossero, appunto, i ladri. Però nessuno gli crede, anche perché quelle mani nell’armadio parlano fin troppo chiaro. Di lì a poco il 41enne viene arrestato per tentato furto e poi condotto in una cella del carcere di Ca' del Ferro. Tra giovedì 20 e venerdì 21 agosto dovrebbero svolgersi l’udienza di convalida dell’arresto e, con ogni probabilità, anche il processo per direttissima.

19 Agosto 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000