il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Comune, i premi dei vice-dirigenti

Assegnati i compensi per gli obiettivi raggiunti dalle 'posizioni organizzative', ad agosto busta più pesante

Comune, i premi dei vice-dirigenti

Il palazzo comunale di Cremona

CREMONA - Posizioni organizzative, funzionari. Insomma, i ‘quadri’ del Comune, i più stretti collaboratori dei dirigenti, di coloro che stanno al vertice della piramide e a stretto contatto con sindaco e assessori. La busta paga di agosto di queste figure importanti dell’amministrazione municipale sarà un po’ più pesante rispetto alle altre perché comprenderà anche i ‘premi’, la retribuzione di risultato. Per un ammontare complessivo, riferito al 2014, di 59.912 euro, suddivisi tra somma effettivamente spettante (45.526 euro) e oneri riflessi a carico dell’ente (14.386 euro). In tutto, sempre considerando l’anno alle spalle, le p.o., come vengono chiamate in Comune, sono 34. Il loro compenso, come per quello dei dirigenti, è composto dallo stipendio a termini di contratto, dall’indennità di posizione e, appunto, da quella di risultato. Come spiega, nella relativa determina, il direttore del settore Gestione giuridico-amministrativa ed economica dei rapporti di lavoro Maurilio Segalini, l’indennità percepita per gli obiettivi effettivamente raggiunti «può variare da un minimo del 10 per cento a un massimo del 30 per cento della retribuzione di posizione». L’indennità di risultato per ogni p.o. è stata stabilita in base alle ‘pagelline’ compilate da Nucleo di valutazione, l’organismo (formato da tre componenti) che dà i voti anche ai dirigenti. Scorrendo l’elenco delle posizioni organizzative, si nota che nessuno supera la soglia dei 3 mila euro: la somma più alta è di 2.951 euro, quella più bassa di 591 euro. Un discorso a parte meritano quei funzionari che hanno ottenuto un premio speciale per incarichi particolari, indipendentemente dall’indennità di risultato. A loro è stato riconosciuto l’incentivo previsto da leggi riguardanti settori come l’avvocatura o gli atti di progettazione e pianificazione. Sono 6: Mina Bettinoni (2.263 euro), Enrico Cistriani (23.638), Giovanni Donadio (6.118), Carla Moreschi (5.588), Paolo Rambaldi (6.119) e Riccardo Zelioli (711). Da notare, infine, che alcuni funzionari non percepiscono alcun compenso perché, come ha deciso la giunta recependo l’indirizzo del Nucleo di valutazione, hanno ricoperto l’incarico per un periodo troppo breve per poter parlare di obiettivi e relative indennità.

19 Agosto 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000