il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Rabbia alle palazzine della vergogna, il Comune: 'Piano inviato in Regione'

Gli inquilini protestano per il degrado e la sporcizia in cui versano gli edifici anche dopo che è stato tolto l'amianto

Rabbia alle palazzine della vergogna, il Comune: 'Piano inviato in Regione'

Le palazzine di via Giuseppina a Cremona

CREMONA - «Per gli immobili di via Giuseppina è già stato inviato il progetto in Regione Lombardia. La manutenzione straordinaria degli alloggi di Edilizia residenziale pubblica (Erp) è un problema che non è risolvibile, se non attraverso piani pluriennali, a cui le risorse comunali, da sole, non possono far fronte e che si avvalgano di stanziamenti regionali definiti attraverso specifici bandi».

Inizia con queste parole la nota con la quale l’amministrazione comunale ha replicato alle proteste di alcuni inquilini delle ribattezzate ‘palazzine della vergogna’, i tre stabili di via Giuseppina di proprietà del Comune e gestiti dall’Aler finiti sotto i riflettori sei mesi fa per le lastre di amianto semidistrutte (poi tolte) sulle coperture dei garage (di proprietà e gestiti dal Comune) e ora per la discarica di legnami e mobili lasciati dentro gli stessi box, un cumulo di scarti che è marcito, puzza ed è diventato la casa di api e topi.

«Gli alloggi di via Giuseppina - prosegue la nota - sono stati oggetto di programmi di riqualificazione che riguardavano i singoli appartamenti nel momento in cui venivano lasciati liberi prima di essere riassegnati. Tali interventi non avevano compreso evidentemente i box a cui solo questa amministrazione ha incominciato a mettere mano attraverso la rimozione delle lastre d’amianto delle coperture. Inoltre, per far fronte alla situazione complessiva degli immobili di via Giuseppina, l’amministrazione Galimberti ha approvato, proprio nell’ultima seduta del 12 agosto, un progetto preliminare di straordinaria manutenzione. Il progetto è già stato inviato a Regione Lombardia per concorrere, si ritiene con buone opportunità di successo, al riparto triennale della stessa Regione per il recupero del patrimonio Erp L’inserimento in graduatoria del progetto ci permetterà di risolvere in maniera definitiva tutti i problemi segnalati da inquilini e cittadini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

14 Agosto 2015

Commenti all'articolo

  • Vania

    2015/08/15 - 10:10

    Il comune i soldi li ha solo per i finti profughi....VERGOGNA!!!!!

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000