il network

Domenica 11 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


ORZINUOVI

Fiamme al Parco Oglio Nord

A fuoco molti alberi nella riserva naturale, mobilitazione di guardie Gev e pompieri. Attesa per la stima dei danni

orzinuovi

I vigili del fuoco in azione

ORZINUOVI — Un incendio di probabile origine dolosa nella riserva naturale del ‘Bosco di Barco’, poco distante dalla cascina Nistoline, ha mandato in fumo diversi alberi ed arbusti di una delle zone più belle e caratteristiche del Parco Oglio Nord. Non è la prima volta: due anni fa, solo il pronto intervento delle Gev antincendio del parco e dei vigili del fuoco di Orzinuovi aveva impedito che le fiamme devastassero la zona boschiva della golena fluviale sotto il centro abitato di Barco di Orzinuovi. Quest’ultimo incendio (la scorsa settimana le fiamme avevano devastato l’area del Sic delle Lanche di Azzanello sulla sponda bresciana) è stato scoperto, appena dopo le 17 di venerdì 31 luglio, dalle guardie ecologiche volontarie impegnate nel servizio di pattugliamento del territorio riservato, che subito hanno allertato i colleghi dell’antincendio boschivo del Parco Oglio Nord, arrivati sul posto con due pick-up attrezzati ed una decina di operatori. A fare pensare alla natura dolosa dell’incendio, il fatto che le fiamme si sono sviluppate in due distinti luoghi della riserva naturale, quasi contemporaneamente. Non è stato possibile richiedere l’elicottero regionale, intervenuto positivamente ad Acqualunga di fronte ad Azzanello, perché tale mezzo opera solo con la luce solare ed i tempi a disposizione erano troppo limitati. Così, fino alle 21, hanno lavorato i ‘pompieri del Parco’, riuscendo a circoscrivere il rogo. L’operazione è ripresa sabato 1 agosto per la bonifica definitiva del territorio. Solo domenica 2 agosto il comandante delle Gev Giuseppe Paletti farà la stima completa dei danni. Il perdurare della calura e della siccità ha fatto seccare erbe e sterpaglie del sottobosco della golena fluviale dell’Oglio. Per questo le Gev raccomandano agli utenti del fiume di fare attenzione, di non accendere fuochi per fare grigliate senza poi accertarsi dello spegnimento delle braci e di non gettare mozziconi di sigaretta perché ci vuole poco ad alimentare un incendio in questa torrida estate. E naturalmente allertare immediatamente le Gev e i vigili del fuoco nel caso di incendio boschivo.

01 Agosto 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000