il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


SOSPIRO

Disoccupati al lavoro in Comune

Impiego temporaneo per sei persone, concreti risparmi per l'ente attraverso il progetto promosso dall'Azienda sociale cremonese

Disoccupati al lavoro in Comune

I lavoratori socialmente utili all'opera

SOSPIRO — Un aiuto concreto a sei abitanti disoccupati e risparmi consistenti per il Comune, che può contare su di loro per una serie di lavori pubblici realizzati in economia. Sono i vantaggi del progetto ‘Lavori di pubblica utilità’, promosso dall’Azienda sociale cremonese su tutto il territorio per offrire un impiego temporaneo a persone in difficoltà, chiamate a eseguire lavori utili per le loro comunità. Il Comune di Sospiro ha chiesto e ottenuto la possibilità di attivare ben sei progetti di durata variabile, da due a sei mesi. Così, dalla metà di luglio, cinque uomini e una donna si sono messi al servizio dell’amministrazione comunale: lavoreranno 60 ore al mese per una paga di circa 400 euro, di cui il 20% finanziato dal Comune e l’80% dall’Azienda sociale. I primi risultati sono già evidenti: nei giorni scorsi hanno tinteggiato un’ala della biblioteca, inoltre si sono occupati del restyling della scuola materna, mettendo a punto una tinteggiatura che consentirà ai bambini di trovare ambienti più belli e più accoglienti. A quattro di questi lavoratori, infatti, sono state affidate mansioni che prevedono manutenzioni, pulizia e riordino degli immobili e degli spazi pubblici. Le altre due persone, invece, sono impiegate in un’attività di supporto agli uffici comunali, tra pulizia degli uffici, affiancamento nel lavoro di bonifica degli archivi tributari e supporto per le pratiche relative alle tutele e alle amministrazioni di sostegno. Tutte queste attività sono coordinate dall’assessorato ai Servizi sociali e dall’ufficio tecnico. «Questa iniziativa ha una doppia valenza — spiega l’assessore Felice Farina — perché ci consente di dare una mano ad abitanti disoccupati e allo stesso tempo dà la possibilità al Comune di effettuare lavori in economia. Basti pensare alla tinteggiatura della materna: senza queste persone saremmo stati costretti a incaricare una ditta, spendendo molto più».

30 Luglio 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000