il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


INFERNO IN A21

Morta la donna estratta dalle lamiere

La 42enne Maria Grazia Tomasini era ricoverata all'ospedale maggiore, è la terza vittima dopo Michela D'Annunzio e Alfredo Fioravanti

Morta la donna estratta dalle lamiere

La Clio distrutta a causa del tamponamento da parte di un Tir

CREMONA - Si aggrava ulteriormente il già tragico bilancio del gravissimo incidente stradale avvenuto mercoledì 22 luglio nel tratto di autostrada A21 a duecento metri dal casello di San Felice. Dopo l'autotrasportatore Alfredo Fioravanti di Avenza (Massa Carrara) e la 40enne Michela D'Annunzio di Leno (Brescia), è morta all'ospedale maggiore di Cremona giovedì 23 luglio anche Maria Grazia Tomasini, 42enne di Leno; la donna era stata ricoverata nel nosocomio cittadino dopo essere stata estratta viva dalle lamiere della vettura su cui viaggiava (una Renault Clio) insieme al marito (Marco Z., 36 anni, era alla guida) che ha riportato ferite guaribili in 50 giorni, e a Michela D'Annunzio, morta sul colpo.

23 Luglio 2015

Commenti all'articolo

  • PAOLO

    2015/07/23 - 14:02

    TROPPO PERICOLOSA QUESTA AUTOSTRADA,AFFOLLATA DAI TIR CHE SI SORPASSANO IN CONTINUAZIONE A VELOCITA' SPESSO NON CONSENTITA E CHE NON LASCIANO MAI SPAZIO TRA DI LORO DURANTE LA MARCIA. PERCORRO QUESTA AUTOSTRADA TUTTI I GIORNI PER ANDARE LA LAVORO E I PERICOLI SONO EVIDENTI, IN OGNI ISTANTE E SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. DISPIACE TERRIBILMENTE PER LE FAMIGLIE COINVOLTE, UN FORTE ABBRACCIO A TUTTI I LORO CARI.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000