il network

Domenica 11 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASO INCENERITORE

Il testo dello studio Leap
Maggioranza a rischio caos

Inceneritore, le spaccature nel Pd si ripercuotono sulla giunta del sindaco Galimberti e sui rapporti con gli alleati

Il testo dello studio Leap
Maggioranza a rischio caos

L'inceneritore di Cremona

CREMONA - Pd sempre più diviso sullo studio Leap e il futuro dell’inceneritore. La maggioranza interna, raccolta intorno al segretario cittadino Roberto Galletti e Rodolfo Bona, pensa, nella sostanza, che le conclusioni degli esperti vadano rispettate e frena sulla chiusura dell’impianto caldeggiandone l’inserimento nel decreto Sblocca Italia mentre la minoranza, guidata da Roberto Poli e Luca Burgazzi, esprime dubbi sulla ricerca del laboratorio piacentino. E accelera, come promesso in campagna elettorale, sulla dismissione del termocombustore. La sensazione è che nella principale forza della coalizione al governo del Comune si sia arrivati alla resa dei conti e che i nodi siano venuti definitivamente al pettine anche perché il ‘caso inceneritore’ è solo l’ultima di una serie di fibrillazioni (vedi autostrada Cremona-Mantova) che negli ultimi tempi hanno scosso il partito. La spaccatura tra i democratici, poi, si riverbera sull’intero centrosinistra: i rapporti tra il Pd (meglio, la parte maggioritaria e meno filo Galimberti) e Fare nuova la città, la lista del sindaco, si avvicinano pericolosamente al minimo storico. Senza dimenticare i possibili contraccolpi in giunta, al cui interno i pesi si ribaltono: due assessori (Maura Ruggeri e Alessia Manfredini) sono vicini a Poli e Burgazzi e uno (Andrea Virgilio) a Galletti e Bona. Insomma, una ‘polveriera’, politicamente parlando, mai così a un passo, in questo primo anno di amministrazione Galimberti, dall’esplodere.

LEGGI E SCARICA IL PDF CON IL TESTO DELLO STUDIO LEAP 

20 Luglio 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000