il network

Venerdì 02 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Juliette, i legali: 'Grammatico voleva ripulire Vescovato dalla droga'

Interrogatorio in carcere per il maresciallo dei carabinieri, il titolare del locale, Marco Pizzi, si è avvalso della facoltà di non rispondere

Juliette, i legali: 'Grammatico voleva ripulire Vescovato dalla droga'

Gli avvocati di Grammatico fuori dal carcere di Cremona

CREMONA - Per l’accusa avrebbe spacciato cocaina nel Juliette. Al gip Letizia Platé che giovedì 1 luglio lo ha interrogato per quasi quattro nel carcere di Ca’ del Ferro, il maresciallo Andrea Grammatico, vice comandante della stazione dei carabinieri di Vescovato, di sé ha dato un ritratto diverso. Quello di un militare impegnato quotidianamente nella lotta allo spaccio. «Ci teneva alla salute dei giovani. Aveva il pallino che non si spacciasse negli oratori, soprattutto eroina. Aveva il pallino di togliere la droga per le strade di Vescovato». Così gli avvocati Antonino Andronico e Marco Simone, difensori del vice comandante in carcere da martedì scorso. Durante l’interrogatorio, Grammatico ha respinto al mittente ogni accusa. Anche quelle di calunnia, concussione e falso, reati che avrebbe commesso durante la sua attività, in concorso con l’appuntato Massimo Varani, lui agli arresti domiciliari.

Si è invece avvalso della facoltà di non rispondere Marco Pizzi, titolare con il cugino Gianluca Pizzi, del Juliette, accusato di spaccio e di favoreggiamento della prostituzione. «Il signor Pizzi si è avvalso della facoltà di non rispondere, perché, come è stato verbalizzato, è sotto choc e non si sente in grado di affrontare una discussione sui capi di accusa che gli vengono contestati. Non ha ancora letto tutta l’ordinanza». Lo ha detto l’avvocato Walter Ventura, difensore di Marco Pizzi con il collega Fabrizio Vappina. «Il nostro assistito è assolutamente convinto che questa cosa vada ben al di là di quello che i magistrati gli contestano. Non capisce perché uno che svolge un’attività come la sua, debba attendere in carcere un processo».

Leggi di più su La Provincia di venerdì 3 luglio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

02 Luglio 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000