il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


TOGNAZZI 25° ANNIVERSARIO

"Mina raccontaci il tuo Ugo"

Si è riunito il comitato che lavora a una serie di iniziative dedicate all'attore, l'appello alla Tigre di Cremona

"Mina raccontaci il tuo Ugo"

Mina e Ugo Tognazzi in una trasmissione della Rai

CREMONA — Prende corpo pian piano il programma di Cremona per Ugo, ovvero le iniziative che caratterizzeranno il 25° della morte del grande attore cremonese. Il comitato — presieduto dal sindaco Gianluca Galimberti — ha fissato quelli che saranno gli appuntamenti principali, programma sostenuto interamente da sponsor privati. Attualmente sono stati raccolti, o meglio firmati contratti per un totale di 145.000 euro. La chicca potrebbe essere — il condizionale è quanto mai d’obbligo — un ricordo telefonico o video di Mina su Tognazzi, un’ipotesi a cui si sta pensando, nella speranza che la Tigre di Cremona collabori, idea tutta da mettere a punto. Una cosa è certa: le iniziative prenderanno il via al Ponchielli il 4 ottobre con una serata che dovrebbe avere come protagonisti i figli di Tognazzi: Ricky, Gian Marco, Maria Sole e Thomas, si sta lavorando per vedere se tutti e quattro potranno intervenire e questo grazie ai legami con la nipote Bice Brambilla. Non da ultimo, nella serata si racconterà il Tognazzi cremonese, il Tognazzi culinario, si illustreranno le iniziative in essere per rendere omaggio ai 25 anni della morte del grande Ugo. A breve CineFilo lancerà un concorso di cortometraggi dal titolo: Come fosse antani... L’obiettivo è raccogliere corti dedicati al genere comico, con omaggio più o meno esplicito a Tognazzi. Il termine ultimo per presentare i lavori sarà il 30 settembre, mentre la premiazione si svolgerà il 27 ottobre, anniversario della morte dell’attore. Piatto forte delle iniziative sarà la mostra La Voglia Matta: il cinema di Ugo Tognazzi che verrà allestita presso il Museo del Violino e che prevede una serie di materiali: da locandine, manifesti e cimeli che racconteranno il grande attore. L’idea della mostra — nata da Elena Mosconi, docente di cinema presso Musicologia — è in fieri e vuole essere una sorpresa, un modo di vivere la memoria di Tognazzi in maniera attiva e divertente. Ma una visione insolita ed eccentrica del grande attore sarà raccontata da Tapirulan che per l’occasione organizzerà un’esposizione ad hoc nella sue sede di corso XX Settembre. La grande abbuffata: così si intitolerà la rassegna cinematografica che abbinerà film e gastronomia, sguardo critico e piaceri della tavola, questo grazie anche all’Accademia della Cucina Italiana. L’assessore alla rigenerazione urbana, Barbara Manfredini ha inoltre sottolineato come luoghi e spazi della città parleranno e diranno di Ugo Tognazzi con segni, totem, sagome che ne ricorderanno la figura. Le iniziative di Cremona per Ugo si stanno pian piano concretizzando e prendendo forma sotto un segno condiviso: recuperare nel venticinquesimo della morte dell’attore il rapporto di Ugo con la sua città e indagare i ricordi, le immagini, le emozioni che pure a distanza di anni permangono vive ma da scoprire nella sua città. Insomma una volta tanto l’adagio ‘nemo propheta in patria’ non potrà abbinarsi al binomio Cremona - Tognazzi.

Mina è stato il convitato di pietra della riunione del Comitato per le iniziative del 25° della morte di Ugo Tognazzi. «Non me lo aspettavo — racconta il sindaco Gianluca Galimberti —. Le avevo inviato un mazzo di fiori per il suo compleanno. Qualche giorno dopo è arrivata la telefonata di ringraziamento». E poi ha aggiunto il primo cittadino: «Già che eravamo al telefono ho osato — dice sorridendo —. E le ho chiesto se presto potremo vederla a Cremona... E lei ha risposto in dialetto: ‘Pudares anca esser’. Insomma una speranza ce l’ha data». E Gianluca Galimberti decide di mettersi in gioco: «Ma perché non andiamo a Lugano?», chiede all’ineffabile e attivissima Greta Filippini. «L’indirizzo ce l’abbiamo?», chiede. «Certo», risponde Filippini. «Beh allora bisognerà andare, appostarci davanti casa per chiederle un ricordo di Ugo Tognazzi». «Sì, ma con la fascia...», scherza Greta Filippini. Insomma è iniziata la caccia grossa alla Tigre di Cremona, nella speranza che la grande Mina voglia dare un suo contributo all’omaggio di Cremona a Tognazzi. «Mina e Ugo erano amicissimi...», chiude Bice Brambilla, apponendo un sigillo di autenticità storica all’impresa...

26 Giugno 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000