il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


ALLARME A PIZZIGHETTONE

Moria di gatti, incubo killer

Tagliole, investimenti e sospetti avvelenamenti. Effettuata l'autopsia su un felino trovato morto

Moria di gatti, incubo killer

La colonia felina al genio

PIZZIGHETTONE — Sparizioni e morti sospette si susseguono da mesi. Qualche esemplare è stato salvato ma qualcuno ha fatto una fine orribile. Tant’è che i dubbi cominciano a diventare timori. Che succede ai gatti di via Montegrappa? Secondo alcuni residenti, c’è chi li sta uccidendo deliberatamente. Stando ai loro racconti, dalla fine del 2014 almeno due mici sarebbero morti avvelenati, altri due sono spariti, un quinto è stato soppresso dal veterinario in seguito alle ferite e alle mutilazioni inferte da una tagliola, e un sesto è deceduto due giorni fa, sempre in circostanze misteriose. Frustrato dall’ennesima ‘coincidenza’, il proprietario ha deciso di andare a fondo alla vicenda e ha portato i resti del povero animale all’istituto zooprofilattico regionale (sede di Cremona) per farli sottoporre a un’autopsia e capire se a determinarne la morte è stata una qualche forma di veleno. «Io ne sono convinto — racconta il 52enne — però stavolta voglio un documento che lo attesti. E se l’esame mi darà ragione, chiederò alle forze dell’ordine di indagare su tutti questi episodi, perché non ci si deve dimenticare che maltrattare, o peggio ancora uccidere, gli animali è reato». Ancora più esplicita e combattiva la vicina di casa Carla Tassi. «Qui c’è qualcuno che si diverte a uccidere i gatti. Non solo con il veleno ma anche investendoli con l’auto. Stiamo assistendo ad atti di una crudeltà inaudita, anche perché questi mici non danno fastidio a nessuno. Io e altre persone li nutriamo e cerchiamo di curarli quando tornano a casa malconci, e purtroppo capita spesso. Non pretendo che tutti ne adottino uno, chiedo semplicemente che li rispettino. Nessuno deve sentirsi in diritto di far loro del male». L’esito dell’esame autoptico si conoscerà a breve. Forse, nel giro di qualche giorno, l’alone di mistero che sin qui ha fatto da cornice a tutta la vicenda lascerà il posto alle prime certezze e alle prime verità.

25 Giugno 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000