il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Illeciti nell'edilizia, obbligo di dimora per Del Ponte

Il 33enne napoletano residente a Cremona potrà recarsi al lavoro nella pescheria di Mezzano Chitantolo

Illeciti nell'edilizia,  obbligo di dimora per Del Ponte

L'avvocato Davide Garbetta

CREMONA - Finito prima in carcere e poi agli arresti domiciliari nell’ambito dell’indagine sugli affari illegali nell’edilizia, per l’accusa compiuti da una organizzazione criminale con a capo il calabrese trapianto a Cremona, Giovanni Iannone, Antonio Del Ponte, napoletano di 33 anni, residente a Cremona, potrà recarsi al lavoro nella pescheria di Castelvetro Piacentino. Su richiesta dell’avvocato Davide Garbetta e preso atto del parere favorevole del pm, il gip Pierpaolo Beluzzi «ritenuto che si siano attenuate le esigenze di custodia cautelare poste alla base del provvedimento e da ritenere positiva la ripresa dell’attività lavorativa», ha disposto nei confronti di Del Ponte la misura dell’obbligo di dimora nel Comune di Cremona con il divieto di allontanarsi dalla sua abitazione dalle 9 di sera alle sei del mattino di tutti i giorni della settimana. Il gip ha autorizzato l’indagato «nei soli giorni lavorativi» a raggiungere la pescheria situata a Mezzano Chitantolo «unicamente per svolgervi l’attività lavorativa».

24 Giugno 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000