il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Agente aggredito da un detenuto

Capece: 'Ennesimo episodio, mi chiedo cosa si aspetti ad intervenire: il recluso autore della aggressione è la terza volta che compie un gesto di questo tipo'

carcere di cremona

CREMONA - Ancora il carcere di Cremona al centro delle cronache per il continuo ripetersi di eventi critici nella struttura detentiva di via Palosca. Domenica 7 giugno un poliziotto penitenziario in servizio è stato aggredito da un detenuto straniero, già protagonista nel passato di ferimenti e colluttazioni. Dura la protesta del Sappe, Sindacato autonomo polizia penitenziaria SAPPE, che torna a sollecitare l’avvicendamento del direttore e del comandante del reparto del carcere.

“Si è verificata l’ennesima aggressione nei confronti del personale del corpo di polizia penitenziaria. Un detenuto straniero, responsabile in poco tempo di altre aggressioni al personale di polizia penitenziaria, ha colpito e ferito, senza alcun ragionevole motivo, l’agente di servizio nella sezione detentiva. E' solo grazie all'ausilio di altri colleghi che si è riusciti a contenere il detenuto e a evitare ulteriori complicazioni per la sicurezza e l’ordine interni. Al poliziotto colpito va la nostra vicinanza e solidarietà, ma mi chiedo cosa si aspetta ancora a dare per intervenire sui vertici amministrativi e di polizia del carcere di Cremona, primi responsabili di una organizzazione del lavoro fallimentare e di livelli di sicurezza al di sotto del minimo”, denuncia il segretario generale del Sappe Donato Capece.

Il Sappe rinnova al ministro della Giustizia Orlando e ai vertici dell’Amministrazione centrale la richiesta “di disporre una ispezione nel carcere di via Palosca, dove nonostante il costante ripetersi di eventi critici – come aggressioni, tentati suicidi, atti di autolesionismo, ferimenti, risse, colluttazioni, incendi – non si adotta alcun provvedimento concreto per ricondurre l’istituto a condizioni minime di sicurezza per chi ci lavora in prima linea, ossia i poliziotti penitenziari. Non è un caso, evidentemente, se il detenuto straniero che ha aggredito il nostro agente è la terza volta che commetteva atti violenti di questo tipo: probabilmente non vi è stata alcuna efficace sanzione disciplinare per quel che aveva fatto prima….”.

Ma Capece chiede anche di “dotare le donne e gli uomini della polizia penitenziaria di strumenti di tutela efficaci, come può essere lo spray anti aggressione già assegnato a polizia e carabinieri. Cosa si aspetta ad assumere adeguati provvedimenti per garantire la sicurezza e la stessa incolumità fisica degli agenti di polizia penitenziaria che lavorano in carcere?”. E denuncia: “Le responsabilità di direttore e comandante per quel che da mesi avviene in carcere a Cremona mi sembrano così palesi ed evidente che mi sorprende come l’Amministrazione penitenziaria non adotti adeguati provvedimenti, come il trasferimento di entrambi in altre sedi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

08 Giugno 2015

Commenti all'articolo

  • They

    2015/06/09 - 06:06

    Questo detenuto straniero andrebbe preso a calci in c..o fino a che non raggiunge il suo paese.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000