il network

Venerdì 02 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Saluto romano, indagati

Si tratta dei 'nostalgici' che lo scorso 26 aprile avevano partecipato alla commemorazione del Duce al cimitero

Saluto romano, indagati

CREMONA - Il 26 aprile scorso al cimitero avevano fatto il saluto romano sulla tomba del ras di Cremona, Roberto Farinacci, e dei caduti della Rsi, in occasione della commemorazione del Duce. Ora i ‘nostalgici’ sono finiti tutti sotto inchiesta. Il sostituto procuratore, Fabio Saponara, ha infatti aperto una indagine, contestando la violazione della legge Scelba. In particolare, la violazione dell’articolo 5 (manifestazioni fasciste), perché «partecipando alla manifestazione pubblica tenutasi a Cremona presso il locale cimitero civico in occasione della commemorazione dei caduti cremonesi della Repubblica Sociale Italiana, della morte di Benito Mussolini e del gerarca Roberto Farinacci, compivano manifestazioni usuali del disciolto partito fascista consistenti nell’urlare in coro ‘presente’ e nel fare il saluto romano». Il caso era stato sollevato dal deputato di Sel, Franco Bordo, che aveva presentato in procura un esposto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

04 Giugno 2015

Commenti all'articolo

  • gianfranco

    2015/06/08 - 20:08

    il cimitero è e deve rimanere un luogo dove il silenzio e il rispetto per i tanti defunti, che vi sono tumulati, dovrebbe essere sopra e fuori da ogni forma di esternazione di saluti o simboli politici di ogni genere, anche e soprattutto per rispetto a tutti i morti che sono la maggioranza che in vita non la pensavano assolutamente come loro. basterebbe andare al cimitero e farsi un bel segno della croce, cosi aiuterebbero il buon dio al perdono visto bisogno che ne hanno.

    Rispondi

  • They

    2015/06/05 - 06:06

    Non riuscirò mai a capire le leggi italiane: rumeni, albanesi, iman dell'isis e delinquenti incalliti liberi di circolare, qui, per un gesto, si spendono soldi pubblici e tempo per ottenere cosa?

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000