il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


LEVATA DI GRONTARDO

Impalcatura intorno alla torre

Iniziati i lavori di restyling e consolidamento per il campanile della chiesa, dureranno alcune settimane

Impalcatura intorno alla torre

La chiesa e il campanile di Levata

LEVATA — Sono cominciati i lavori di ristrutturazione per la torre della chiesa, a Levata di Grontardo. Da un paio di giorni il campanile è circondato dall’impalcatura e coperto dal telo bianco. Dovranno essere effettuati lavori di consolidamento, che dureranno alcune settimane e che si sono resi necessari a causa di un leggero cedimento della struttura che ne ha provocato una piccola inclinazione. «L’iter procede come previsto — spiega don Roberto Pasetti, parroco dell’unità pastorale, che oltre a Levata comprende anche Grontardo e Scandolara — Probabilmente il rifacimento della nuova sponda del canale Ciria, effettuato nel 2004, ha determinato un nuovo assetto del terreno sottostante la torre, provocandone un cedimento. Dopo i sopralluoghi da parte dei tecnici (l’ingegner Giuseppe Pettenazzi e l’architetto Fabio Bosio) e le misurazioni effettuate l’anno scorso, un primo intervento urgente di cuci-scuci è stato realizzato al piano terra per l’espulsione di elementi lapidei, risarcendo così il paramento murario. Dai rilievi effettuati, la pendenza della torre, verso l’esterno in corrispondenza dell’angolo nord, è di circa 25 centimetri. Il campanile presenta internamente una situazione di marcato dissesto strutturale: fino a metà altezza, infatti, vi sono evidente fessure, con marcate aperture dell’apparato murario, disgregazione del materiale legante dei mattoni, slegatura degli elementi costituivi della muratura. «Lo scopo di questo intervento — aggiunge don Pasetti — è quello di fermare il dissesto in corso e di realizzare una contro ventatura interna alla torre che possa contrastare il movimento delle murature». I lavori si basano su un preventivo di circa 20 — 25mila euro. «La nostra parrocchia — prosegue il parroco — attualmente ha come unico debito il mutuo bancario che terminerà nel 2020, acceso per far fronte ai lavori di sistemazione della chiesa e dell’oratorio. Le risorse finanziarie attuali non sono del tutto sufficienti per affrontare la spesa, presenteremo quindi una richiesta di contributo, come sempre senza pretese».

29 Maggio 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000