il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Pendolari cremonesi sul piede di guerra

Desolante il quadro emerso dopo la riunione sul trasporto ferroviario del quadrante sud

Pendolari cremonesi sul piede di guerra

Pendolari alla stazione di Cremona

CREMONA - La prima cattiva notizia: con l’introduzione del nuovo orario estivo, dal primo giugno, i pendolari cremonesi che frequentano la linea per Milano non potranno contare su alcun nuovo collegamento e, tantomeno, sul ‘Treno dei capoluoghi’, la corsa rapida, una al mattino e una di sera, all’andata e al ritorno, che era stata proposta dall’amministrazione, come sperimentazione domenicale contestuale alle iniziative legate ad Expo, per ridurre i tempi di percorrenza fra Cremona e il capoluogo meneghino e valutare, così, la sostenibilità di una corsa senza fermate intermedie nel cartellone quotidiano. La seconda: per far fronte alla minore presenza di personale, continuando però a supportare i servizi direttamente legati al traffico da e per l’esposizione universale, da domenica 2 agosto a domenica 30 agosto tutti i regionali ‘Codogno-Cremona’, ‘Cremona-Piadena’, ‘Piadena-Mantova’ e ritorno saranno soppressi e sostituiti da bus per un totale di 25 corse giornaliere. E intorno, un panorama di generale penalizzazione per il territorio.

 

E’ il quadro, desolante, emerso dalla riunione sul trasporto ferroviario del quadrante sud che si è tenuto in settimana: alla fine del confronto, con al tavolo Regione e Trenord, e con in videoconferenza il Comune (l’assessore alla partita Alessia Manfredini e la dirigente Elisa Brigati) e i comitati locali (per InOrario Matteo Casoni), zero rilancio alla faccia delle garanzie di apertura alle istanze della provincia, della lunga valutazione sul ‘Treno dei capoluoghi’ e delle promesse di ‘attenta considerazione’ delle esigenze espresse dagli utenti più volte assicurata, anche di recente, dall’assessore regionale a Trasporti e Infrastrutture, Alessandro Sorte. La conseguenza è una sola: i ‘seriali’ del binario di nuovo sul piede di guerra e l’amministrazione, almeno, infastidita.

 

leggi di più su La Provincia di domenica 17 maggio 2015

16 Maggio 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000