il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Se il migrante gioca con i soldi degli aiuti

Sempre più frequenti le segnalazioni relative alla presenza degli extracee aiutati dallo Stato nelle sale dove si punta

Se il migrante gioca con i soldi degli aiuti

CREMONA - I soldi per le spese minute, il ‘pocket money’ (dai due ai tre euro al giorno, non oltre i 15 a settimana), usati per le puntate. Per lo più scommesse sul calcio, ma anche ‘Gratta&Vinci’ e, quando possibile, anche qualche giocata sui siti internet che emulano le attrazioni di un casinò. Anche a Cremona una quota di migranti arrivati negli ultimi mesi dall’Africa, dopo le traversate del Mediterraneo in condizioni disperate, non ha resistito alla tentazione del gioco. E’ tutto lecito, ci mancherebbe. Le cifre sono esigue. Nessuno rischia di rovinarsi. Ma è l’aspetto morale, qui, a pesare come un macigno. 

 

Tra le mille polemiche che accompagnano l’accoglienza dei richiedenti asilo, con un numero crescente di cremonesi alle prese, ormai da anni, con una crisi nera, vedere anche soltanto un euro di quelli messi a disposizione dei richiedenti asilo finire nel gioco lascia l’amaro in bocca. Anche perché pare che dai primi, sparuti casi, ora la tendenza a varcare la soglia delle sale scommesse si sia consolidata, in particolare tra i migranti più giovani. Infatti la cosa non è passata inosservata ad alcuni frequentatori abituali delle sale scommesse.

 

Un’opera di dissuasione importante, affiancata a quella dell’assistenza, puntuale, 24 ore al giorno, può farla su questo fronte don Antonio Pezzetti, responsabile della Casa dell’Accoglienza, la struttura che ospita la gran parte dei migranti che arrivano in provincia. Le raccomandazioni di don Pezzetti non mancano, ma serve qualcosa di più.

 

 

10 Maggio 2015

Commenti all'articolo

  • arcelli

    2015/05/10 - 23:11

    adesso manca solo che becchino questi qua con la dose di droga pagata coi NOSTRI soldi.Anzi credo sia già accaduto ops................

    Rispondi

  • enrico

    2015/05/10 - 20:08

    Semplice:basta non dargli più soldi. a noi italiani allungano il tempo per andare in pensione e aumentando le tasse per poi dare i soldi a loro . Che paese ......

    Rispondi

  • Andrea

    2015/05/10 - 17:05

    Se il migrante ha il vizio del gioco lo si deve rispedire al mittente con posta prioritaria a un giorno.

    Rispondi

    • xxx

      2015/05/10 - 19:07

      Concordo...o in alternativa spedire il migrante o clandestino a casa di chi permette questop spreco a discapito dei nostri ITALIANI....

      Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000