il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Detenuto dà fuoco alla cella, cinque agenti intossicati

Tensione senza fine nel penitenziario, nuova denuncia del Sappe

Detenuto dà fuoco alla cella, cinque agenti intossicati

CREMONA - Sembra davvero non avere fine la spirale di tensione e violenza che caratterizza ormai da mesi il carcere di Cremona, da tempo al centro di eventi critici e delle critiche sindacali del Sappe, l’organizzazione più rappresentativa dei baschi azzurri.

 

«Questa mattina (lunedì 20 aprile, ndr) — si legge nella nota diffusa dal segretario generale del Sappe, Donato Capece — un detenuto straniero si è ferito. Il tempestivo intervento degli agenti di servizio ha impedito che la situazione degenerasse. A seguire si sono rese necessarie le cure dell’uomo presso l’infermeria, ma non è finita lì. Lo stesso detenuto, rientrato in cella, ha dato fuoco a quel che aveva nella sua camera detentiva. Poteva essere una strage. Fiamme e fumo hanno invaso la cella e la sezione, ma proprio il tempestivo intervento dei poliziotti penitenziari ha scongiurato conseguenze drammatiche. Il fumo era denso e pericoloso, tale da determinare anche grida di allarme da parte degli altri detenuti, e i poliziotti sono stati eroici nel loro comportamento. Si è reso necessario far evacuare la sezione detentiva. Cinque poliziotti sono rimasti intossicati e sono dovuti ricorrere alle cure ospedaliere. Poteva essere una tragedia, sventata dal tempestivo intervento dei poliziotti penitenziari di servizio nel Reparto e dal successivo supporto dei loro colleghi. Sono stati momenti di grande tensione. Sono stati bravi i poliziotti a intervenire tempestivamente, con professionalità, capacità e competenza».

 

Secondo Capece, «questo gravissimo episodio è sintomatico di una tensione detentiva che noi denunciamo da tempo. Da mesi segnaliamo le criticità interne al carcere, dove evidentemente la situazione sembra sfuggire di mano a direttore e comandante del reparto di polizia penitenziaria, che evidentemente hanno improntato una organizzazione del lavoro e una quotidianità penitenziaria fallimentare sotto il punto di vista della sicurezza e della rieducazione trattamentale».

 

Il Sappe torna così a chiedere, «nell’indifferenza dell’amministrazione penitenziaria, una ispezione ministeriale e l’allontanamento da Cremona di direttore e comandante della polizia penitenziaria». Nel 2014 — ricorda Capece — nella casa circondariale di Cremona si è registrato un numero di atti di autolesionismo (120) maggiore di quelli del penitenziario di Milano San Vittore (46), che però ha quasi il triplo dei detenuti. «Le responsabilità di direttore e comandante per quel che da mesi avviene in carcere a Cremona mi sembrano palesi e mi sorprende — conclude Capece — che l’amministrazione penitenziaria non adotti adeguati provvedimenti».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

20 Aprile 2015

Commenti all'articolo

  • enrico

    2015/04/21 - 21:09

    Mi chiedo se la nostra classe politica si rende conto dove stanno portando il nostro e ripeto nostro paese. secondo me vivono sulla Luna

    Rispondi

  • They

    2015/04/21 - 06:06

    Ma com'è possibile che i detenuti facciano ciò che vogliono? Mandiamo nelle loro galere i detenuti stranieri invece di mantenerli a sbafo. Se Bruxelles contesta le nostre carceri mandiamo i detenuti a Bruxelles. Una volta dicevano: so bote do a do fin a quando li diventa dispari, questa sarebbe la cura migliore. Viva l'Italia, viva la Liberazione quella vera dei nostri cari Partigiani.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000