il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Profughi, situazione di emergenza: le strutture Caritas sono al limite

Tra martedì e mercoledì sono arrivate 18 persone, don Pezzetti: 'Per ora ce la facciamo, ma la prospettiva preoccupa'

Profughi, situazione di emergenza: le strutture Caritas sono al limite

Gli ultimi profughi arrivati a Cremona

CREMONA - E' di nuovo emergenza sul fronte immigrazione. Gli effetti dei continui sbarchi delle ultime settimane hanno iniziato a ripercuotersi su Cremona: 18 i richiedenti asilo arrivati in città in aprile, otto martedì 14 aprile (tutti uomini e tutti del Mali) e dieci mercoledì. Cinque di questi ultimi resteranno, altri cinque saranno dislocati nelle strutture deputate all’ospitalità in provincia, tra Gabbioneta Binanuova, Capralba e Salvirola.

 

Per ora, ci sono stanze e letti a sufficienza, ma i problemi sono dietro l'angolo: con 218 stranieri attualmente presenti negli immobili Caritas (160 solo alla Casa dell’Accoglienza), con alberghi, parrocchie e alloggi di Rivarolo del Re e del resto del territorio al limite, e con cascina Moreni che ha provvidenzialmente, ma solo temporaneamente, trovato posto per 15 dei profughi assegnati al Cremonese nell’ultimo mese, è del tutto evidente come la sproporzione tra domanda e offerta già rappresenti un problema serio.

 

Il direttore della Caritas don Antonio Pezzetti non si nasconde: «I numeri sono numeri e dicono che siamo vicini al collasso. Al momento possiamo ancora gestire la situazione ma è la prospettiva che preoccupa. Voglio dire: gli arrivi non si sono mai arrestati ma un conto è se si tratta di due, tre persone per volta, come accaduto in inverno, e un conto è se ci troviamo a dover affrontare gruppi di dieci, anche venti migranti a settimana».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

15 Aprile 2015

Commenti all'articolo

  • xxx

    2015/04/16 - 11:11

    Sostenitori delle sinistre..............su dai....un pò di coerenza non fa male.......aprite le vostre dimore e iniziate a dare il buon esempio, accogliendo un clandestino a testa e mantenerlo senza fargli mancare nulla....

    Rispondi

  • enrico

    2015/04/16 - 10:10

    Ripeto fare il g.. col fondo schiena altrui e facile. Un bel campo d'accoglienza a castel Gandolfo e uno nei giardini del Vaticano. La sinistra sta regalando le prossime elezioni alla destra.

    Rispondi

  • Massimo

    2015/04/16 - 06:06

    Ogni famiglia cattolica e progressista ospiti un profugo. Fatti, non parole. Il Vaticano è grande e anche la casa della signora Boldrini.

    Rispondi

  • Fabio

    2015/04/16 - 06:06

    .."Le strutture sono al limite".... Invece i cremonesi,ma anche gli italiani,"questo"limite lo hanno già superato da un pezzo!... Occhio,politicanti!Tutti i nodi,poi,vengono al pettine...E,allora,nessuna immunità vi salverà dalle legnate del popolo.

    Rispondi

  • They

    2015/04/16 - 06:06

    Il viminale ha imposto ai prefetti di requisire ed espropriare immobili a favore degli immigrati, secondo voi questa è democrazia? Perché non viene indetto un referendum per sapere cosa ne pensa la gente? Forse perché gli interessi economici sono prevalenti sulla vita del cittadino italiano.

    Rispondi

Mostra più commenti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000