il network

Domenica 11 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Scontri, parla Casapound: 'La verità è venuta a galla'

I militanti: 'Centri sociali smentiti dalla ricostruzione degli inquirenti, non attacchiamo ma non scappiamo se veniamo attaccati'

Scontri, parla Casapound: 'La verità è venuta a galla'

Presidio delle forze dell'ordine nell'area di via Geromini

CREMONA - "La verità è venuta a galla grazie alla ricostruzione degli inquirenti". E' giunta l'ora di parlare per Casapound, di fornire la propria versione su quanto accaduto lo scorso 18 gennaio quando la zona del foro boario diventò teatro degli scontri tra centri sociali ed esponenti dei Casapound. Nella sede, presidiata dalle forze dell'ordine, di via Geromini hanno preso la parola il vicepresidente nazionale Andrea Antonini, Diego Ratti (storico esponente della destra cremonese) e Omar Oneta, attuale responsabile di CasapPound Cremona dopo l'arresto di Gianluca Galli.

 

Gli esponenti di Casapound hanno ripercorso l'intera vicenda della loro presenza a Cremona, a partire dall'inaugurazione della sede, definita "uno spazio politico al quel non rinunceremo mai". In quel frangente, in città di tenne una manifestazione antifascista "con persone con il volto coperto. In pratica un messaggio mafioso alle istituzioni: o li fate chiudere o creeremo problemi".  Un altro epsodio citato risale al marzo del 2013, quando tre militanti "furono aggrediti dopo che Casapound aveva organizzato un evento sulla liberazione dei marò".

 

Parlando poi degli scontri del 18 gennaio, da Casapound hanno fatto sapere che "la versione degli inquirenti ha ristabilito la verità, che quanto affermato dai centri sociali e riportato dalla stampa è falso. I centri sociali hanno detto di essere stati aggrediti da noi, invece è avvenuto l'esatto contrario. Noi non cerchiamo lo scontro, no consideriamo gli antagonisti perché siamo impegnati a fare politica. Se veniamo attaccati non scappiamo, ma non attacchiamo. Abbiamo un'etica superiore: chiunque ha il diritto di difendere la propria vita e i propri fratelli".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

14 Aprile 2015

Commenti all'articolo

  • renzo

    2015/04/14 - 20:08

    Certo che rileggere le mozioni parlamentari dei tre soloni di Sel, depositari della verita' assoluta, viene da ridere confrontandole con la ricostruzione fatta dagli inquirenti, le vittime diventano carnefici e viceversa, mentre i tre soloni non hanno neanche la dignita' di scusarsi per la loro verita' sparsa a piene mani come ASSOLUTA.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000