il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Pugno in faccia e via la borsa, la Lega: 'Stop ai clandestini'

Dopo l'aggressione di uno straniero a Elisa Mangili tanta solidarietà alla mamma 38enne, ma anche tanta rabbia; i lumbard attaccano: 'Il sindaco deve dimettersi se non è in grado di garantire la sicurezza dei cittadini'

Pugno in faccia e via la borsa, la Lega: 'Stop ai clandestini'

Elisa Mangili

CREMONA - "Freno ai flussi migratori incontrollati dei clandestini", "il sindaco Galimberti si deve dimettere". Le due frasi sintetizzano il duro attacco della Lega Nord dopo l'aggressione di cui è rimasta vittima Elisa Mangili, la mamma di 38 anni colpita con un pugno da uno straniero che le ha rubato la borsa. L'episodio, tra l'altro, ha scatenato una serie di reazioni e commenti in larga parte espressi sui social network. [LEGGI]

 

"Nostro malgrado, ci troviamo a commentare l’ennesimo episodio di cronaca violenta ai danni di una donna cremonese, per di più in centro cittadino. Ribadiamo - sostengono i lumbard - che finché non si fermeranno i flussi migratori incontrollati dei clandestini che arrivano nel nostro Paese e che servono solo ad arricchire le cooperative rosse che gestiscono questo business, perché di questo si tratta, ci troveremo altre volte a condannare questi fatti, sperando che non siano anche più gravi. Le 'risorse che dobbiamo importare' non sono qui per lavoro con la famiglia, nemmeno per motivi di persecuzione: solo due clandestini su 10 dopo due anni dalla richiesta di asilo politico riusciranno ad ottenerla. Due anni che nel frattempo trascorreranno a nostre spese, milioni di euro, con vitto, alloggio, spese sanitarie e sociali completamente a nostro carico. Non possono lavorare, ma notiamo, molti chiedono comunque la questua, scippano, rubano e delinquono. Lo fanno nel Paese che garantisce loro 'l’impunità': l’Italia… Soldi, che in qualsiasi Paese normale, potrebbero essere utilizzati per aiutare i cittadini in enorme difficoltà economica. In questa faccenda il sindaco è in parte responsabile, perché non garantisce nemmeno le più elementari norme di sicurezza in città, che ricordiamo sono sotto la sua responsabilità. Mi giungono voci di continue aggressioni soprattutto a donne e anziani, le persone più indifese, da parte di extracomunitari e zingari, che ormai non sono nemmeno più denunciate. I cittadini non credono più alle istituzioni e hanno paura a circolare anche in centro ad orari normali. Sindaco Galimberti, lei si deve impegnare per garantire la sicurezza ai cittadini che l’hanno eletta altrimenti pensiamo che sia giusto che i cremonesi si difendano da soli. Perché i soldi attribuiti ai clandestini e al loro mantenimento non sono utilizzati invece per fornire risorse materiali alle Forze dell’Ordine? Perché non sono istituite delle ronde miste Forze dell’Ordine e Esercito, in determinate ore e luoghi? Si possono anche attribuire mansioni amministrative ai civili nella sede della Polizia Municipale, liberando così vigili per le strade. E’ possibile farlo o è così difficile? Altrimenti prenda atto della sua incapacità a gestire la situazione e si dimetta".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

 

12 Aprile 2015

Commenti all'articolo

  • They

    2015/04/13 - 06:06

    Ci vogliono politici con le palle non mollaccioni che si inchinano all'europa e leccano le scarpe di chi sa governare e non vuole nel proprio paese certa m...a!!!

    Rispondi

  • gianfranco

    2015/04/12 - 22:10

    le cose non sono di certo migliorate, ma la lega ha governato cinque anni, litigando con perri ogni santo giorno solo per le poltrone, io mi chiedo perchè non hanno trovato, visto che sono dei grandi geni della politica le soluzioni giuste, ma non con proclami da fiera degli asini, con proposte concrete e attuabili.

    Rispondi

  • enrico

    2015/04/12 - 21:09

    E il sindaco in questi giorni ha dichiarato che Cremona e ora che torni una città d'accoglienza integrazione . Secondo me lui vive sulla luna

    Rispondi

  • enrico

    2015/04/12 - 21:09

    Basta immigrati ma basta anche preti che con quel finto buonismo accolgono tutti e poi li trovi in giro per la città a elemosinare.non sei in grado di mantenersi torni a casa tua. Sarebbe cosa buona e giusta tanto per stare in tema.

    Rispondi

  • enrico

    2015/04/12 - 21:09

    Qualche soldato in giro per le strade della città non farebbe male di certo visto che tutte le istituzioni continuano a sottovalutare il problema. Nessuno si è accorto che la città durante la settimana e in mano agli stranieri.

    Rispondi

Mostra più commenti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000