il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Guerriglia urbana, Croce: 'Chiedo scusa alla città'

I due giovani arrestati sono stati interrogati in carcere, il cremonese: 'mi sono trovato in una situazione più grande di me'. Il bresciano: 'Sono dispiaciuto, mi sono trovato nella bolgia'. Fuochi d'artificio sopra il carcere e oscuramento del sito del tribunale

Guerriglia urbana, Croce: 'Chiedo scusa alla città'

L'arrivo al carcere di Cremona del gip Platè

CREMONA - Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, ma hanno rilasciato dichiarazioni spontanee, Mattia Croce e Aioub Babassi, i due giovani non ancora ventunenni che sono stati arrestati per i disordini accaduti durante la manifestazione nazionale antifascista ('mai formalmente autorizzata') del 24 gennaio scorso e sentiti (giovedì 2 aprile) nel carcere di Cremona dal gip Letizia Platè per l'interrogatorio di garanzia.

 

L'accusa è di devastazione e saccheggio. Croce, residente a Cremona, e Babassi, residente a Marone (lago di Iseo, Brescia) sono accusati, in particolare, di aver devastato due banche in via Dante: la Bcc e la Cariparma. Il solo Croce anche dell'assalto al comando della polizia locale. Il cremonese è assistito dall'avvocato Marilena Gigliotti, il bresciano dall'avvocato Raffaella Parisi.

 

L'avvocato Gigliotti ha fatto sapere "Mattia ha chiesto scusa e spcificamente alla città di Cremona. Ha detto di essersi trovato in una cosa tanto più grande di lui. Non sa come sia potuto accadere. Non ha ideologie politiche. Fa il dj al centro sociale Kavarna, suona la tecno e gli interessa solo la musica". Il legale del cremonese presenterà al gip istanza per gli arresti domiciliari a casa del padre.

 

L'avvocato Parisi ha riportato che Babassi "è stato coinvolto nella situazione ed è dispiaciuto del'accaduto. Coinvolto, nel senso di essersi trovato nella bolgia. Fa l'operaio e anch'egli è dj. E' andato solo due volte al Kavarna. Ha la fidanzata a Cremona e non persegue nessun tipo di ideologia. Lo accomuna, con Croce, la passione per la musica per la musica tecno". Il legale ha già chiesto al gip di rimettere il giovane in libertà e, in subordine, i domiciliari presso la casa dei genitori a Marone (Brescia).

 

Nel frattempo, nella serata di mercoledì 1 aprile, il Csa Dordoni ha postato su Facebook un video di solidarietà nei confronti dei due antagonisti arrestati. Nel filmato si vedono fuochi d'artificio fatti brillare vicino al carcere di Cremona.

 

 

E sempre sulla pagina Facebook del Csa Dordoni viene comunicato l'oscuramento del sito del tribunale di Cremona da parte di Anonymous, sempre in solidarietà ai giovani finiti in manette

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

02 Aprile 2015

Commenti all'articolo

  • alessandro

    2015/04/04 - 11:11

    poveri sfigati...poverini, poveri...che sfiga oh, si sono trovati proprio nel giorno sbagliato al momento sbagliato, una manifestazione del c.... NON AUTORIZZATA...e loro lí, malgrado loro....allora siete proprio solo SFIGATI E NULLAFACENTI, perchè non avevate una cazzo di altro da fare in quel giorno...povero Matteo, povero te, che "ti interessa solo la musica tecno", sei stato SFIGATO A CAPITARE LI E POI ESSERE ARRESTATO. e povero te, aioub..che nome buffo..se non c era la U , al contrario si leggeva BOIA..peccato perchè la U c è. anche tu, boia mancato per un pelo, sei stato solo SFIGATO. SPERO CHE STARETE SULLE SPESE DEI VOSTRI GENITORI PER SEMPRE, E CHE NESSUNO VI DIA MAI UN LAVORO. Poveri sfigati, andrete nel paradiso dei DJ tecno.

    Rispondi

    • NICOLA

      2015/04/04 - 18:06

      Sei un grande!!! Con la tua amara ma veritiera ironia hai perfettamente tratteggiato l'ennesimo tentativo di questi due farabutti, prodotti dal pattume dei centri sorciali, di prendere ancora per il culo la gente e le istituzioni.

      Rispondi

  • gianfranco

    2015/04/03 - 20:08

    grazie delle scuse ma adesso fuori i nomi del resto della banda di deficienti/delinquenti che si nascondono dietro a una finta idea politica, per dare sfogo ai loro istinti demenziali a spese dei cittadini onesti.

    Rispondi

  • Giovanni

    2015/04/02 - 15:03

    Ah, beh.... hanno chiesto scusa! Si fermi tutto, vengano immediatamente liberati cin tante scuse, e si metta subito sotto processo questa società corrotta che li ha costretti a diventare, poveri cari, quelli che sono diventati.... Peace and love....

    Rispondi

  • paolo

    2015/04/02 - 14:02

    .

    Rispondi

  • arcelli

    2015/04/02 - 14:02

    certo,l'avvocato gli avrà suggerito questo per ottenere sconti e benefits??ma quali scuse???resta in galera e rifondi TUTTI i danni.Vergognati e si vergognino i tuoi genitori per i valori che ti han trasmesso

    Rispondi

Mostra più commenti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000