il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


VESCOVATO

I ladri ci provano anche a casa del sindaco

Due malviventi in fuga a mani vuote dopo l’allarme lanciato dai vicini

I ladri ci provano anche a casa del sindaco

Il sindaco Maria Grazia Bonfante

VESCOVATO — I ladri anche in casa del sindaco. Ma la sorveglianza del vicinato è stata efficace ed è subito scattato l’allarme. Risultato: malviventi in fuga a mani vuote prima ancora di poter entrare nell’abitazione. Insomma ha funzionato proprio quella sorta di ‘rete’ di allerta informale tante vole auspicata dall’amministrazione comunale come ‘prima linea’ anti-ladri.

E’ successo martedì 31 verso le 9, quando il primo cittadino Maria Grazia Bonfante era nel suo ufficio in municipio. Due persone hanno scavalcato la recinzione ma sono state notate prima ancora che ‘attaccassero’ gli infissi per entrare in casa e fare razzia. I vicini hanno chiamato alcuni parenti del sindaco che si sono precipitati sul posto, mettendo in fuga i malviventi. I due sono rapidamente risaliti su una grossa berlina di colore scuro parcheggiata nei pressi e sono scappati. Non è stata sporta denuncia, ma il sindaco ha comunque comunicato quanto avvenuto ai carabinieri della stazione con una descrizione dell’auto della fuga.


«L’appello a chi durante il giorno rimane in paese — spiega Bonfante — è sempre quello: un cambio di abitudini in modo da interessarsi a quello che avviene nel vicinato». Anche dai carabinieri la raccomandazione è sempre la stessa: segnalare immediatamente rumori sospetti nella casa vicina, o auto di grossa cilindrata parcheggiate in maniera sospetta o persone estranee che si aggirino per la via senza apparente motivo. Intanto il Comune per fra fronte all’allarme furti ha già cambiato i turni di servizio della polizia locale in modo che il vigile sia sul territorio in orari sempre diversi.

31 Marzo 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000