il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASTELLEONE

Riccio sotto il falò, festa a metà
La bestiola ricoverata in clinica

Incidente a parte, la tradizione di San Giuseppe rispettata con tanta gente

Riccio sotto il falò, festa a metà
La bestiola ricoverata in clinica

Il riccetto ustionato dal fuoco del falò

CASTELLEONE — La grande notte del falò guastata da un fuori programma che ha spaventato e intenerito tutti. Poco dopo le 23 di giovedì 19, a fuoco spento e ‘vecchia’ ormai bruciata, i ragazzi che stavano raccogliendo le braci per la tradizionale grigliata sotto le stelle si sono accorti della presenza di un riccio, accovacciato sotto la catasta appena andata in fumo. Immobile, probabilmente intossicato e con gli aculei bruciacchiati, il piccolo mammifero aveva trovato riparo lì durante la giornata, ignaro che la ‘casetta’ in cui pensava di essersi rifugiato di lì a poco sarebbe stata avvolta dalle fiamme. A quel punto il riccio (subito ribattezzato ‘Falò’) è stato affidato da Silvia, una volontaria della Lega anti vivisezione presente in piazza al momento del ritrovamento, che l’ha subito portato in una clinica veterinaria di Crema, dove è stato curato con fluidi e cortisone. Poi, ieri, è stato trasferito al Piacenza Wildlife Rescue Center, struttura che accoglie gli animali selvatici feriti, ma la prognosi dei medici non è incoraggiante: ‘Falò’ ha segni vitali molto flebili, e difficilmente se la caverà. A Castelleone tutti fanno il tifo per lui e sui social network è diventato una star incontrastata: c’è chi si è offerto di adottarlo e chi gli assicura verdure, bacche e ghiande a volontà. Forse però, se riuscisse a sopravvivere, il regalo più bello per l’‘eroe’ della notte del 19 marzo sarebbe il ritorno in libertà, non il soggiorno forzato in un pur confortevole giardino.
Inconveniente finale a parte, la festa patronale di San Giuseppe, che da sempre unisce la cerimonia religiosa al rito pagano dell’accensione del fuoco, si è svolta secondo copione, richiamando sotto torre Isso migliaia di persone. Oltretutto la ‘vecchia’ è caduta sul versante giusto. Quindi il 2015 promette prosperità.

20 Marzo 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000