il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Furti di prodotti high tech, sgominata banda di 13 persone

Dieci uomini e tre donne sono finiti in manette, due colpi sono stati messi a segno nella nostra provincia, danni per oltre un milione di euro

Furti di prodotti high tech, sgominata banda di 13 persone

La conferenza stampa dei carabinieri di Cremona

CREMONA - Tredici persone, tutte di origine moldava, sono finite in manette in quanto responsabili di numerosi furti messi a segno a Cremona e in diverse zone del nord Italia in rivendite di prodotti elettronici. Gli arresti - nell'ambito di una operazione denominata 'Balcania high tech'- sono stati eseguiti, su ordine del gip di Cremona, dai carabinieri di Cremona coadiuvati dai comandi provinciali di Brescia, Mantova, Parma, Reggio Emilia e Modena. Uno degli arresti è scattato a Viadana.

 

Gli stranieri, dieci uomini e tre donne, facevano parte di una radicata organizzazione criminale dedita a furti di ingente valore portati a termine in note catene di distribuzione di elettrodomestici e prodotti elettronici. Il modus operandi era quello di una banda perfettamente organizzata. I ladri si introducevano nottetempo nei negozi, calandosi dal soffitto, dopo averlo forato oppure sfondando muri ed inferriate di magazzini con suv e furgoni rubati.

 

Agli arrestati vengono contestati gravi delitti, tra cui l’associazione per delinquere, il furto aggravato e la ricettazione. La banda è responsabile di otre dodici furti, commessi in varie località del nord e centro Italia, tra cui due episodi nella provincia di Cremona. Tra danneggiamenti e merce rubata, i danni superano il milione di euro.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

11 Marzo 2015

Commenti all'articolo

  • They

    2015/03/12 - 06:06

    A Roma devono discutere della legge elettorale, assolutamente importante per rimanere incollati alle loro poltrone dorate, chi se ne frega delle leggi contro la delinquenza, anzi depenalizziamo un bel po di reati così non rompono con le carceri piene (di stranieri), tanto i sudditi, ops, pardon, i cittadini pagheranno le spese...

    Rispondi

  • enrico

    2015/03/11 - 19:07

    Ottimo lavoro delle forze dell'ordine adesso il giudice di turno grazie a una legge blanda cosa gli darà? Secondo me almeno 3 giorni ai domiciliari si intende.intanto i nostri politici a Roma discutono di cose che non frega niente a nessuno.

    Rispondi

  • arcelli

    2015/03/11 - 11:11

    che ridere,tanto tra 5 giorni questi saranno a piede libero e riprenderanno le loro lucrose attività.Che leggi misere e ridicole,nemmeno in Africa,infatti da là vengono tutti qua

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000