il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Arrivano in treno e rubano bici, denunciati tre bergamaschi

Ventenni nei guai, hanno preso le biciclette per andare dalla stazione al centro sociale Kavarna

Arrivano in treno e rubano bici, denunciati tre bergamaschi

CREMONA - Giunti in stazione e dovendo raggiungere il centro sociale Kavarna in via Maffi (zona Cascinetto) hanno pensato di rubare tre biciclette nel piazzale della stazione. Colti in flagranza dai carabinieri, tre giovani bergamaschi sono stati denunciati.

 

I tre 20enni - S.S. residente a Calusco d’Adda, T.A. residente a Ponte San Pietro e T.D.F. residente ad Albino - sono arrivati a Cremona intorno alle 23 di domenica 8 marzo con un treno proveniente da Treviglio (Bergamo) per recarsi al Kavarna. Non disponendo di mezzi di trasporto - il centro sociale si trova a circa 3,5 chilometri di distanza - hanno ritenuto che la cosa più semplice da fare fosse rubare tre delle numerose bici parcheggiate nel piazzale della stazione ferroviaria. I loro movimenti sospetti, però, sono stati notati da alcuni passanti che hanno prontamente allertato il 112. 

 

In pochi istanti i carabinieri hanno raggiunto via Dante, giusto il tempo per vedere i tre ragazzi che, dopo aver tranciato i lucchetti di sicurezza, stavano salendo in sella alle biciclette. Per i bergamaschi è scattata la denuncia per furto aggravato. Le bici sono alla stazione dei carabinieri di Cremona visibili ai legittimi proprietari.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

09 Marzo 2015

Commenti all'articolo

  • Antonio

    2015/03/10 - 11:11

    A quando la preannunciata chiusura dei centri sociali? Solo promesse?

    Rispondi

  • arcelli

    2015/03/10 - 08:08

    Ma come siam ridotti? Un Paese che sa che i rom rubano e delinquono e li tolleriamo,accettiamo l'esistenza di "centri sociali" la cui unica volontà sociale è drogarsi e danneggiare patrimoni ALTRUI. Di cosa ci stupiamo?all'estero entrambe le categorie non sarebbero libere di bivaccare e delinquere,sarebbero in carcere. Qua addirittura le amministrazioni fan a gara per far loro distruggere ogni cosa pubblica,senza nemmeno pagare l'affitto

    Rispondi

  • They

    2015/03/10 - 06:06

    Che schifo, tutti fanno ciò che vogliono fregandosene... Questo perché l' Italia è governata da persone senza palle...

    Rispondi

  • paolo

    2015/03/09 - 21:09

    Beh, ma le avranno solo "prese in prestito" pronti a restituirle al loro ritorno in stazione o magari, mossi da profondo senso civico, per farle riparare (gratuitamente si intende) presso la cicolofficina "La scatenata" (nome che più barricadero non si poteva) che opera c/o il CSK.... e poi, non dimentichiamolo, ... "so ragazzi..."'

    Rispondi

  • mario

    2015/03/09 - 20:08

    Ma quello commesso questi tre balordi non è un reato. Bensì "esproprio proletario".

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000