il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Dordoni su Casa Pound: 'Chi semina vento raccoglie tempesta'

Dal centro sociale duro attacco dopo la riapertura della sede di via Geromini ad amministrazione comunale, questura e prefettura

Dordoni su Casa Pound: 'Chi semina vento raccoglie tempesta'

CREMONA - "Chi semina vento raccoglie tempesta". Parole degli esponenti del centro sociale Dordoni in seguito alla riapertura delle sede di Casa Pound in via Geromini.

 

"Abbiamo aspettato diversi giorni - si legge in una nota firmata le compagne e i compagni del Csa Dordoni - in attesa di leggere una presa di posizione da parte del sindaco e della giunta dopo le tante parole spese in consiglio comunale con dichiarazioni quali 'Cremona è una città antifascista', 'I fascisti in città non sono tollerati' e di nuovo 'Non ci sarà più spazio per i fascisti'. Il sindaco e la giunta, però, tacciono ancora sulla riapertura provocatoria della stessa sede che da più di un anno è in mano ai fascisti che si sono resi responsabili di diverse aggressioni, l'ultima al centro sociale Dordoni mandando in coma Emilio a colpi di spranga".

 

Poi un attacco diretto. "Con questo voluto silenzio, preceduto dalle dichiarazioni fatte pubblicamente e nei consigli comunali, è chiaro come sindaco e giunta siano conniventi con i fascisti di Casa Pound".

 

Gli esponenti del Dordoni si rivolgono anche a questore e prefetto. Con parole dure. "Cosa ne è stato dell’ affermazione del questore sulla chiusura della sede fascista tanto sbandierata qualche giorno prima del Corteo nazionale Antifascista del 24 Gennaio? 'La sede è in vendita e la caparra è stata restituita', aveva pubblicamente affermato. La promessa fatta dal prefetto direttamente alla moglie di Emilio (ahi noi prevedibilmente vana) che la sede di Casa Pound sarebbe stata definitivamente chiusa cosa è stata se non l'ennesimo tentativo di depotenziare la manifestazione nazionale di sabato 24 Gennaio? Che peso e credibilità possono avere ora tutte queste parole in seguito alla riapertura, nè pubblicizzata nè preannunciata, di una sede fascista circondata da diversi blindati"?

 

"E quasi tutte quelle associazioni che si sono autodefinite espressione dell’antifascismo democratico, che hanno pretestuosamente demonizzato il corteo nazionale sbandierando un'ipotetica vittoria (la fantomatica chiusura definitiva della sede cittadina di Casa Pound prima dell'inizio della manifestazione) non hanno niente da dichiarare ora che l’inaffidabilità e la connivenza coi fascisti delle loro tanto care istituzioni è chiara"?

 

Parole forti anche in merito al corteo del 24 gennaio. "Allora l’obbiettivo che si è posto il corteo del 24 gennaio non era poi così surreale: tentare, in primis, di raggiungere la sede per chiuderla. In secondo luogo mandare un segnale forte e chiaro ai fascisti, alla questura e alla prefettura: non saranno più tollerate vigliacche azioni squadriste in città, non sarà più tollerata la presenza dei fascisti a Cremona. Chi semina vento raccoglie tempesta".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

27 Febbraio 2015

Commenti all'articolo

  • sergio

    2015/03/02 - 12:12

    "non saranno più tollerate vigliacche azioni squadriste in città": finalmente: questo significa ANCHE che nessuna manifestazione organizzata da un centro sociale, " non sarà più tollerata la presenza dei fascisti a Cremona.": su questo bisogna interpellare la magistratura, se ci sono gli estremi basta una querela e la legge proibisce le associazioni fasciste... " Chi semina vento raccoglie tempesta" e infatti gli imbecilli che hanno devastato Cremona hanno seminato vento e, giustamente, il comune ha deciso di tagliare i fondi. Chiaramente un Dordoni e un kavarna andrebbero considerati fuori legge tanto quanto Casa Pound, non si capisce in base a quale criterio l'ispirazione alla tirannia comunista dovrebbe essere meglio tollerata rispetto a chi si ispira al fascismo: sempre tirannia è! Sarebbe ora che il mondo della cultura, e la scuola, le demonizzassero chiaramente e definitivamente!

    Rispondi

  • Marco

    2015/03/02 - 01:01

    Ma chi scrive questi articoli, veramente crede che ancora la gente abbocchi? Io da sempre uomo di sinistra, la vera e genuina sinistra, mi son stancato di sentir cazzate da sindacati e cessi sociali, che fan di tutto per affamare gli italiani e difendere gli stranieri per puro ritorno partitocratico. Questa dovrebbe essere la sinistra? no questa è idiozia! Non ho mai preso in considerazione gli estremisti, ma devo dire che casa pound per lo meno, compie azioni utili qua a Cremona, banchetti solidali e sostegno agli sfrattati, la "sinistra" dei centri sociali, invece, oltre che a imbrattare muri e distruggere negozi di noi lavoratori che fa? Non mi stupirei se le voci che girano che dicono che ad attaccare con mazze siano stati quei nulla facenti del Dordoni, fossero fondate.

    Rispondi

  • xxx

    2015/02/28 - 18:06

    Casa Pound non ha mai creato danni alla comunità Cremonese,ma ha solamente dato fastidio ai cervelli trinariciuti rossi di sel,rifondazione comunista e dei bravi e democratici ragazzi dei centri (a)sociali...

    Rispondi

  • paolo

    2015/02/28 - 13:01

    Ma come? Scopro solo ora che il "vero" obiettivo del corteo del 24 Gennaio non era di dare solidarietà' a Emilio ed alla moglie, come da quest'ultima richiesto, bensì "l’obbiettivo che si è posto il corteo del 24 gennaio non era poi così surreale: tentare, in primis, di raggiungere la sede per chiuderla": oibò oibò....

    Rispondi

  • arcelli

    2015/02/27 - 23:11

    Fuori dalle p....e Casa Pound,ma anche i lazzaroni e teppidti nullafacenti dei centri sociali. Purifichiamo Cremona da questi scarti della società dediti a droga,alcoolismo e vandalismi

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000