il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

99 Posse, concerto blindato: mobilitati 200 agenti

Musica e polemiche, la serata in favore di Emilio dovrebbe iniziare intorno alle 19 di giovedì 29

99 Posse, concerto blindato: mobilitati 200 agenti

Agenti schierati in viale Trento Trieste a Cremona

CREMONA - Duecento agenti (con rinforzi da fuori provincia) pronti a blindare via Mantova e strade limitrofe per il concerto dei ‘99 Posse’ che si terrà al Dordoni nella serata di giovedì 29 gennaio, per raccogliere fondi a favore di Emilio Visigalli, il cinquantenne preso a sprangate durante gli scontri del 18 gennaio davanti al centro sociale tra antagonisti ed esponenti di Casapound. Vicenda che ha innescato la manifestazione nazionale di sabato scorso, durante la quale duecento black bloc hanno messo a ferro e fuoco la città.

 

I dettagli del piano sicurezza sono stati stabiliti in prefettura, nel corso di una riunione tecnica. «Ci aspettiamo almeno cinquecento spettatori - hanno spiegato dal Dordoni - l’unica finalità del concerto è quella di raccogliere denaro a favore di Emilio e della sua famiglia. In realtà sotto il palco del Dordoni potrebbero esserci molte più persone di quanto ipotizzato. Basta dire che sono circa 850 coloro che su Facebook hanno assicurato la loro presenza.

 

Il programma della serata. Le prime note dei ‘99 Posse’ dovrebbero risuonare dal palco del Dordoni a partire dalle 21.30. La serata inizierà tra le 19 e le 19.30, quando i quattro componenti della band napoletana parteciperanno alla presentazione del libro ‘Curre curre guagliò. Storie dei 99 Posse’, scritto da Rosario Dello Iacovo (Baldini & Castoldi).A seguire ci sarà l’esibizione di Pat Atho, poi toccherà ai '99 Posse'.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

28 Gennaio 2015

Commenti all'articolo

  • Stefano

    2015/01/29 - 14:02

    Assolutamente uno schifo...a questo punto sindaco..questore...e compagni(a)bella dovrebbero,per rispetto della cittá,rassegnare le DIMISSIONI(parola sconosciuta nella pubblica amministrazione)...il centro dordoni avrebbe dovuto sparire...dissero nel'infausta serata di sabato...dopo 5gg non solo il centro è ancora lì,ma continua pure a dettare legge!!!200 poliziotti...cittá di nuovo blindata...per un "imperdibile" concerto privato...ormai siamo peggio del terzo mondo...

    Rispondi

  • arcelli

    2015/01/29 - 12:12

    Oramai rasentiamo il ridicolo. Son messi 200 agenti per proteggere e salvaguardare questi grandi artisti di fama internazionsle e il loro folto e numerosissimo pubblico. Nemmeno con Madonna a San Siro si arrivó a tanto

    Rispondi

    • Emiliana

      2015/01/30 - 14:02

      Veramente il grosso degli agenti è stato utilizzato per "presidiare/difendere" casapound . . .

      Rispondi

  • mario

    2015/01/29 - 11:11

    Chi paga i 200 agenti? Il Questore, il Prefetto? In tutta questa faccenda è mancata solo l'unica cosa che avrebbe risolto tutto: il buon senso. Da quanto emerso il Questore adduce la scusa che trattasi di manifestazione in ambienti privati. Ma questi sono a norma? Qualcuno ha verificato? E se sono attese centinaia di persone dove le mettono? E se succederanno incidenti gli unici responsabili, per quanto mi riguarda, sono solo due persone: Questore e Prefetto.

    Rispondi

  • arcelli

    2015/01/29 - 10:10

    ok ,allora adesso paga il Questore di tasca propria avendo detto che NON poteva vietare questa cosa poichè privata.............si vede quanto è privata,pare normale inviare 200 agenti ad una semplice adunata privata?????

    Rispondi

  • arcelli

    2015/01/29 - 10:10

    il Questore dovrebbe render conto alla CITTA' di questa decisione:vietare una pagliacciata o sobbarcare il costo dei 200 poliziotti!!!!Che paese ridicolo!!!!!!!

    Rispondi

Mostra più commenti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000