il network

Venerdì 28 Aprile 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Lite per il posto dell'elemosina finisce a bastonate

Arrestato un romeno giunto in aiuto alla sorella che accusava un nordafricano di avere occupato la sua zona: il malcapitato è finito all'ospedale

Lite per il posto dell'elemosina finisce a bastonate

La Lidl di via Castelleone

CREMONA - Una lite per il posto in cui chiedere l'elemosina si trasforma in aggressione. Bilancio: un uomo ferito alla testa da una bastonata e un altro arrestato.

 

Teatro dell'episodio il supermercato Lidl di via Castelleone, a Cremona. E' la tarda serata di martedì 27 gennaio, quando una donna, di origine romena e residente a Soresina, che abitualmente chiede l'elemosina di fronte al market cerca di far allontanare un nord africano che, suo dire, aveva occupato il suo posto. L'uomo ribatte che il posto non è di nessuno e non intende allontanarsi. Per tutta risposta, la donna prende il cellulare e chiama il fratello, il quale piomba sul posto insieme ad un altro connazionale. I nuovi arrivati, insieme alla romena, raggiungono l'altro accattone e lo aggrediscono a colpi di bastone procurandogli diverse ferite alla testa.

 

Un carabiniere fuori servizio, che in quel momento stava facendo la spesa, sente le urla che provengono dall'esterno del supermercato e di precipita in strada. Appena compreso quello che stava accadendo, il militare rincorre gli aggressori e li blocca. I romeni sono stati successivamente condotti in caserma dove è stato accertato che la violenza è esplosa per una disputa sul posto in cui chiedere l'elemosina.

 

Il fratello della donna è stato arrestato e rimesso in libertà in attesa del processo che si svolgerà nei prossimi giorni. Il nordafricano è stato ricoverato presso l'ospedale Maggiore di Cremona con otto giorni di prognosi dovuti ad un trauma cranico.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

28 Gennaio 2015

Commenti all'articolo

  • They

    2015/01/29 - 07:07

    Rimesso in libertà?!?!?! Ma rimandatelo in Romania assieme alla sorella. Chiedono l'elemosina ed hanno i cellulari!! Oltretutto quando vai a far spesa ti rompono i c.......i. BASTAAAA!!!

    Rispondi

  • NICOLA

    2015/01/28 - 20:08

    Che tristezza questa crisi...due onesti lavoratori come questi, costretti ad instaurare questa vertenza legale per la propria postazione professionale!!!

    Rispondi