il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Galimberti dice no ai 99 Posse, ma il concerto si farà

Il concerto in programma giovedì 29 gennaio al Csa Dordoni, la questura: 'Non possiamo vietarlo'. E in città monta l'indignazione per le dichiarazioni su Facebook del gruppo napoletano

Galimberti dice no ai 99 Posse, ma il concerto si farà

I 99 Posse

CREMONA - "Non rilasceremo autorizzazioni" per il concerto dei 99 Posse in programma per giovedì 29 gennaio al centro sociale Dordoni per solidarietà nei confronti di Emilio Visigalli (il 50enne del centro sociale ferito gravemente durante gli scontri con Casapound di sabato 18 gennaio). Lo ha detto il sindaco di Cremona, Gianluca Galimberti, mentre in città sale la tensione per l'evento dopo la guerriglia di sabato 24 gennaio. 

 

LE FOTO E I VIDEO DELLA GUERRIGLIA

 

Ma il concerto si farà. La questura, al momento, non intende vietarlo. E spiega perché. «Allo stato dei fatti, tenuto conto che si tratta di un avvenimento previsto in un luogo chiuso e privato — hanno spiegato dagli uffici di via Tribunali — la questura non ha alcuna possibilità di imporre un divieto. Se avremo altre informazioni, se lo scenario cambierà, si faranno altre valutazioni».

 

Dopo i fatti di sabato scorso, con una città messa a ferro e fuoco, la rabbia dei cremonesi è esplosa e corre sulla rete. Sui social network è nato un comitato spontaneo per chiedere la chiusura dei centri sociali (Comitato per la chiusura dei centri sociali a Cremona). E, in merito al concerto, è iniziata anche una raccolta firme per cancellare l'evento. I 99 Posse, attraverso il loro profilo Facebook, hanno postato messaggi che hanno innescato polemiche. "Onore a chi lotta. Più bastoni e meno tastiere" e "giovedì veniamo a Cremona e siamo certi di trovare una città rasa al suolo". Mentre nelle ultime ore, il gruppo napoletano ha tranquillizzato sindaco e cittadinanza: "Per il concerto ci saremo e ci saranno tanti giovani, non succederà nulla".

 

"Porteremo la nostra grande preoccupazione  - ha detto il primo cittadino - e la nostra totale contrarietà rispetto a questo concerto, al Comitato della sicurezza, preoccupazioni e contrarietà già espresse alla prefettura e alla questura a cui competono le valutazioni a riguardo. Per quanto ci riguarda noi non rilasceremo nessuna autorizzazione. Abbiamo già detto che le convenzioni, che sono scadute, non saranno riconfermate. Tutto il resto attiene ovviamente all’ordine pubblico e per questo ci coordineremo, come già fatto in questi giorni, con istituzioni e forze dell’ordine".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

26 Gennaio 2015

Commenti all'articolo

  • Aurelio

    2015/01/27 - 09:09

    Siamo sempre alle solite... vorrei ma non posso... queste istituzioni che parlano...parlano...parlano ma i fatti non li fanno mai. Forse a queste persone non frega nulla della nostra città???? Smettiamola con questi tira e molla e guardatevi i video e le foto di come hanno ridotto la nostra città sabato. E voi permettete agli stessi di fare festa e divertirsi per tutto quello che hanno fatto???? SONO INDIGNATO. NO AL CONCERTO E NO AI CENTRI SOCIALI

    Rispondi

  • germana

    2015/01/27 - 08:08

    a questo punto il concerto diventa una cosa "in famiglia", che se lo facciano chiusi nella loro sede si raccolgano soldi fra di loro. Rimane una provocazione, perché avrebbero fatto prima a fare una colletta ......

    Rispondi

  • koglione

    2015/01/26 - 21:09

    come dire che conta come il 2 di coppe a briscola se briscola è denari? Emerito Koglione.

    Rispondi

  • NICOLA

    2015/01/26 - 20:08

    La prefettura è un "fabbricato" e anche la "questura" sono dei muri...il prefetto invece si chiama paola picciafuochi ed il questore Vincenzo rossetto e sono delle "persone"...sono forse innominabili?? Inintervistabili?? Almeno Galimberto,anche se dubbiamente condivisibile, qualcosa sui giornali la dice col proprio nome e la faccia davanti ad una telecamera ce la porta...ma questi altri due?? Perché i media continuano a nominare gli uffici e non invece chi li occupa e dovrebbe dirigerli fornendo di persona legittime spiegazioni delle loro azioni ai cittadini???

    Rispondi

  • mario

    2015/01/26 - 20:08

    Ma il Questore e la Prefettura hanno letto quanto postato dal 99 posse?

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000