il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Corteo antifascista in centro

Un centinaio di persone ha sfilato la città dopo il ritrovo in cortile Federico II: nessun problema di ordine pubblico, slogan contro gli avversari politici e contro il sindaco

Corteo antifascista in centro

Il corteo antifascista Cremona

CREMONA - Tanta gente al presidio antifascista organizzato nel centro di Cremona in seguito agli scontri tra centro sociale Dordoni e Casapound di domenica 18 gennaio nel quale è rimasto gravemente ferito Emilio V., 50enne del Csa Dordoni. Punto di ritrovo il cortile Federico II e da qui è partito il corteo per le vie del centro al quale hanno preso parte almeno un centinaio di persone. Tra i manifestanti anche uno dei figli di Emilio. Durante la manifestazione, andata in scena tra le 18 e le 19, sono stati scanditi slogan politici (contro Casapound e contro il sindaco Gianluca Galimberti ritenuto responsabile di "non aver fatto nulla per evitare l'esistenza di Casapound in città"), esposti striscioni e non vi sono stati problemi di ordine pubblico. Analoghe manifestazioni, per esprimere solidarietà ad Emilio sono andate in scena a Torino, Brescia e Bologna.

 

COMMENTI E REAZIONI [LEGGI]

IL PUNTO DELLE INDAGINI [LEGGI]

LA BATTAGLIA DI DOMENICA [FOTO] [VIDEO]

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

19 Gennaio 2015

Commenti all'articolo

  • Fabio

    2015/01/22 - 18:06

    Mi auguro che la persona in coma si riprenda in fretta....Tristissima,comunque,l'immagine di un cinquantenne(sic!!)con casco... E,intanto,Cremona diventa ostaggio di gente con cui i cremonesi nulla hanno a che spartire.Sarebbe l'occasione buona,chiudendo il Dordoni,di rispettare i residenti di via Mantova e la loro tranquillità.

    Rispondi

  • arcelli

    2015/01/19 - 21:09

    un centinaio di sfigati e nullità sociali

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000