il network

Venerdì 25 Maggio 2018

Altre notizie da questa sezione

in corso:

Blog


CREMONA

Corteo antifascista in centro

Un centinaio di persone ha sfilato la città dopo il ritrovo in cortile Federico II: nessun problema di ordine pubblico, slogan contro gli avversari politici e contro il sindaco

Corteo antifascista in centro

Il corteo antifascista Cremona

CREMONA - Tanta gente al presidio antifascista organizzato nel centro di Cremona in seguito agli scontri tra centro sociale Dordoni e Casapound di domenica 18 gennaio nel quale è rimasto gravemente ferito Emilio V., 50enne del Csa Dordoni. Punto di ritrovo il cortile Federico II e da qui è partito il corteo per le vie del centro al quale hanno preso parte almeno un centinaio di persone. Tra i manifestanti anche uno dei figli di Emilio. Durante la manifestazione, andata in scena tra le 18 e le 19, sono stati scanditi slogan politici (contro Casapound e contro il sindaco Gianluca Galimberti ritenuto responsabile di "non aver fatto nulla per evitare l'esistenza di Casapound in città"), esposti striscioni e non vi sono stati problemi di ordine pubblico. Analoghe manifestazioni, per esprimere solidarietà ad Emilio sono andate in scena a Torino, Brescia e Bologna.

 

COMMENTI E REAZIONI [LEGGI]

IL PUNTO DELLE INDAGINI [LEGGI]

LA BATTAGLIA DI DOMENICA [FOTO] [VIDEO]

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

19 Gennaio 2015

Commenti all'articolo

  • Fabio

    2015/01/22 - 18:06

    Mi auguro che la persona in coma si riprenda in fretta....Tristissima,comunque,l'immagine di un cinquantenne(sic!!)con casco... E,intanto,Cremona diventa ostaggio di gente con cui i cremonesi nulla hanno a che spartire.Sarebbe l'occasione buona,chiudendo il Dordoni,di rispettare i residenti di via Mantova e la loro tranquillità.

    Rispondi

  • arcelli

    2015/01/19 - 21:09

    un centinaio di sfigati e nullità sociali

    Rispondi