il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Pendolari, due giorni tragici

Tra soppressioni e ritardi i viaggiatori cremonesi hanno esaurito la pazienza

Pendolari, due giorni tragici

CREMONA - Due giorni disastrosi (giovedì 15 e venerdì 16 gennaio) per i pendolari cremonesi che viaggiano verso Milano. Una situazione, quella che si è verificata in questi giorni, che ha esaurito la pazienza dei pendolari. 

Il caos di venerdì prende trae origine dal guasto che costringe il treno delle 5.34 per Milano a bloccarsi sui binari nel tratto compreso fra le stazioni di Casalbuttano e Soresina. Trenord annuncia tempestivamente, via Twitter, ritardi nell'ordine di 40 minuti, ritoccando poi l'entità del deficit in 60. Il guasto di questo convoglio innesca la cancellazione a catena di altri treni [LEGGI]. A questo si aggiungono mezz’ora secca di surplus sul regionale ‘2648’ delle 6,58 e ‘2646’ delle 6,17 trasformato, per dirla riferendo di uno degli sfoghi dei passeggeri, in «carro bestiame», con tre carrozze senza riscaldamento e due al buio.

 

Giovedì mattina la prima puntata del disastro. Il ‘2650’, Vivalto dell’ora di punta perché tradizionalmente il più frequentato, partito da via Dante alle 7.32 e atteso in Centrale alle 8.40, è finalmente approdato a destinazione alle 10.11, un’ora e mezzo dopo il previsto, causa spostamento affrontato a trenta chilometri orari.  

 

Il Comune di Cremona, in seguito a quanto accaduto giovedì e venerdì, è tornato a a fare pressing. “Anche alla luce dei recenti disservizi, risollecitiamo anche pubblicamente l’assessore regionale Sorte - ha detto l'assessore Alessia Manfredini -  dopo l’incontro con ferrovieri e pendolari del 20 dicembre a SpazioComune, infatti, abbiamo chiesto con una lettera un incontro in Regione. Abbiamo già sollecitato nuovamente l’Assessore, ma ad oggi non abbiamo ancora ricevuto alcuna risposta. E’ quantomai urgente, in sinergia con i consiglieri regionali, incontrare il nuovo Assessore per approfondire il protocollo sulla linea Mantova-Cremona-Milano stipulato tra Regione, Rfi e Trenord, e capire i dettagli del treno dei capoluoghi che deve agevolare lo spostamento da Milano a Cremona, e non solo da Cremona a Milano nel periodo di Expo. Per quanto riguarda le altre tratte (anche su queste vogliamo confrontarci con l’Assessore Sorte) abbiamo preso contatto con Rfi e Trenord per capire la situazione dei treni diesel sulla Cremona-Brescia e abbiamo chiesto un incontro con l’Assessore regionale dell’Emilia Romagna per Cremona-Piacenza e Cremona-Fidenza. Inoltre, entro la fine di gennaio visiteremo l’Officina Trenord di Cremona. Continueremo ad insistere con Regione, Trenord e Rfi, in accordo con i consiglieri regionali, affinché si ponga rimedio alla situazione, non più tollerabile, del trasporto ferroviario cremonese".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

16 Gennaio 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000