il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Via le salme dalle tombe distrutte

Due famiglie sono pronte a spostare i defunti ed è polemica con il Comune sul pagamento dei danni

Via le salme dalle tombe distrutte

CREMONA - «Non c’è stato coordinamento nelle denunce, che sono state presentate alla spicciolata, nei vari presìdi delle forze dell’ordine, come capitava (polizia locale, carabinieri, questura, ndr). Non c’è stata e non c’è chiarezza su chi pagherà i danni, che sono ingenti: il Comune non ci ha fornito indicazioni e non si è assunto un compito che noi crediamo gli spetti. Non abbiamo la certezza che quanto accaduto non si ripeta, al punto che due famiglie hanno deciso di non lasciare lì le salme dei loro cari. Potrebbero non essere le sole. Quell’area è stata violata, profanata. E’ una reazione comprensibile: ogni volta che tornano lì, non possono non pensare a quella notte di devastazione». A venti giorni dall’incursione notturna durante la quale sono state distrutte una ventina di tombe nell’area del cimitero realizzata più di recente, sconcerto e rabbia continuano ad attraversare la mente della gran parte delle persone che hanno i loro cari sepolti dove è avvenuta la devastazione. Due famiglie, che non hanno superato lo choc, hanno deciso di spostare la salma altrove. Una scelta dettata dal trovarsi a fare i conti con una ferita destinata a non rimarginarsi. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

05 Gennaio 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000