il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Viaggio a San Pietroburgo, il Comune: 'Ecco cosa abbiamo speso'

Precisazioni dell'ente: 'La trasferta non è stata pagata da Veolia e Solvay'

Viaggio a San Pietroburgo, il Comune: 'Ecco cosa abbiamo speso'

CREMONA - Continua a fare parlare il viaggio a San Pietroburgo e Vienna di sindaco, portavoce e assessore. Con lo scopo di fornire un chiarimento, è lo stesso Comune di Cremona a diramare una dettagliata nota dei costi della trasferta.

 

"Chiariamo che - come già espresso in Consiglio comunale dal sindaco in una risposta al consigliere Ferruccio Giovetti - il viaggio di sindaco, assessore e portavoce del Comune di Cremona a San Pietroburgo e Vienna è stato pagato dagli amministratori e in minor parte del Comune, non da Veolia e Solvay. Queste ditte hanno promosso, in sinergia con il Museo del Violino, a cui l'Amministrazione si è affiancata, lo splendido concerto al Museo dell'Acqua di Vodokanal di San Pietroburgo, riportato da ben sette tv russe".

 

L'ufficio stampa dell'ente offre poi un breve excursus sull'origine del viaggio. "Si sottolinea che i contatti con Vodokanal sono iniziati nel 2012, con la visita in Comune della delegazione russa il 26 gennaio. In quell'anno il presidente di SUE Vodokanal, Felix V. Karmazinov, ha visitato Cremona e si è innamorato dei suoi violini. Da quell'incontro è nata l’idea dell'iniziativa a San Pietroburgo. In particolare il progetto del concerto è iniziato a concretizzarsi, in collaborazione con il Museo del Violino, a gennaio 2014 per la valorizzazione dell’anno della cultura italiana in Russia".

 

E infine il dettaglio dei costi. "Il costo complessivo del viaggio a San Pietroburgo per la delegazione del Comune (sindaco, assessore e portavoce) – compreso il successivo spostamento (volo e albergo) a Vienna per la serata dedicata a Cremona all'Ambasciata italiana - è stato di 3.438,65 euro per voli (tre: andata, S. Pietroburgo-Vienna e ritorno) e albergo (tre notti a S. Pietroburgo e uno a Vienna). Sono stati pagati personalmente dai tre partecipanti alla missione più di due terzi del costo, ovvero 2.329,10 euro. Al Comune di Cremona, dunque, la missione di sindaco, assessore e portavoce (tre voli e quattro notti in albergo per tre persone) è costata 1.109,55 euro. Non è stato chiesto da sindaco, assessore e portavoce alcun rimborso per quanto riguarda le spese di vitto e trasporto in loco".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

03 Gennaio 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000