il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Tutte le spese del Comune, per il personale quasi 14 milioni

E’ online da lunedì 22 ‘soldipubblici.gov.it’ il sito internet lanciato dal governo Renzi

Tutte le  spese del Comune, per il personale quasi 14 milioni

Palazzo del Comune

CREMONA - Con la trasparenza della pubblica amministrazione come obiettivo primario, da lunedì 22 dicembre è online, facilmente consultabile da chiunque abbia anche solo un minimo di dimestichezza con la Rete, il sito soldipubblici.gov.it: lanciato dal governo Renzi, offre in Internet l’elenco completo delle spese sostenute dagli enti pubblici, dai costi del personale a quelli per una grande opera, dalle uscite per le consulenze agli stipendi per i dirigenti.

Tutti dati aggiornati a novembre ed elaborati dal sistema ‘Siope’, frutto di una collaborazione tra Banca d’Italia e Ragioneria Generale dello Stato che aggrega i pagamenti giornalieri delle diverse realtà attraverso una serie di 250 codifiche gestionali disponibili su www.siope.tesoro.it. Una fotografia completa. Che immortala, ovviamente, anche la situazione del Comune di Cremona. In tutte le sue sfumature.

Le competenze fisse per il personale a tempo indeterminato, per cominciare: ammontano per il 2014 a poco meno di 14 milioni di euro (al dettaglio 13.946.314 euro) quando nel 2013 erano di 15 milioni e 349mila. Uscite fisse cui vanno aggiunti gli straordinari — 170mila euro nel 2014 contro 166mila nell’anno precedente — e i 53mila euro per coprire i servizi delle consultazioni elettorali. Dell’insieme fanno ovviamente parte anche il milione e 637mila euro accantonato per le ritenute previdenziali e assistenziali, i 22mila euro messi a disposizione per i corsi di formazione e i quasi trecentomila (297.356 euro) per buoni pasto e mensa.

I rimborsi spese per i viaggi: 19.857,81 euro. Poi la copertura per la manutenzione ordinaria e per la riparazione degli automezzi dell’ente — 18.889,28 euro —, per le utenze — 407.325,07 euro — e per le forniture di materiale informatico: 35mila euro nel 2014 contro i 56mila del 2013, cui si devono affiancare i costi per l’assistenza e la manutenzione dei software, pari a 208mila euro nel 2014 contro i 494mila, il doppio, dei dodici mesi precedenti.

Allargando il raggio ad altre spese, ecco che la municipalità spende 24.998 euro per pubblicazioni, 47.970 euro per medicinali, materiale sanitario ed igienico. Capitolo consulenze, da sempre tema sensibile, perché oggetto di periodica spending review e di polemiche: sul rendiconto risultano 208mila euro (494mila nel 2013) per assistenza informatica e manutenzione software, 1854 euro per pubblicità, 25.944 euro per ricorso a professionalità esterne addette all’hardware e 131mila per acquisizione o realizzazione di software, 111mila euro per incarichi esterni (erano 266mila nel 2013).

23 Dicembre 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000