il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


IL METEO

Nuova perturbazione in arrivo

Nuova perturbazione in arrivo

“Torna il maltempo sull’Italia, per una nuova perturbazione in arrivo dalla Spagna” – lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara che spiega –“ già nelle prossime ore le piogge tenderanno gradualmente ad intensificarsi al Nord e centrali tirreniche, specie Valpadana, Liguria e Toscana. Martedì la giornata peggiore con precipitazioni su gran parte del Paese; tra le aree più colpite Toscana, Lazio, Campania, Calabria tirrenica, Salento ed Isole Maggiori, dove potremo avere persino anche qualche temporale di forte intensità. Piogge diffuse anche tra Liguria, Lombardia e Nordest in generale, mentre le precipitazioni risulteranno più sporadiche tra Piemonte occidentale e Valle d’Aosta. Più riparato anche il medio versante Adriatico, con piogge occasionali e qualche schiarita. Mercoledì invece l’instabilità tenderà a concentrarsi proprio sulle adriatiche nonché su basso versante tirrenico ed Isole Maggiori, contestualmente ad un miglioramento al Nord”.

 

“La buona notizia è che arriverà un po’ di neve sulle Alpi” – prosegue l’esperto – “anche se in verità non sono previsti accumuli particolarmente significativi. Le nevicate maggiori interesseranno Dolomiti meridionali e Alpi Carniche, mediamente oltre i 1400-1600m; altrove i fenomeni saranno più deboli e via via più sporadici spostandosi verso Ovest, ma con quota neve più bassa, a tratti fin verso i 1000-1300m. Come detto però non si tratterà di nevicate abbondanti, con accumuli in genere non superiori ai 5-10cm al di sotto dei 2000m.”

 

“Le temperature saranno in lieve flessione ma il vero freddo invernale resta lontano e non arriverà prima di Natale” – conclude Ferrara – “anzi da giovedì i valori termici saranno in nuovo rialzo per rimonta dell’alta pressione, in attesa di una assai modesta irruzione di aria fredda dal Nord Europa intorno al 20-21 Dicembre, che darà luogo a qualche precipitazione essenzialmente solo su adriatiche e Sud. Per le festività natalizie l’alta pressione potrebbe tornare ad interessare in modo più diretto l’Italia, rimandando ulteriormente l’appuntamento con l’Inverno”.

 

15 Dicembre 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000