il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Attacco hacker all'Itis Torriani

Il sito internet della scuola bloccato da proclami antigovernativi

Attacco hacker all'Itis Torriani

L'Itis Torriani

CREMONA - Attacco hacker al sito internet dell’Istituto tecnico industriale statale (Itis) ‘Janello Torriani’, che ha sede sulla tangenziale, a poche decine di metri dalla grande rotatoria all’inizio della Castelleonese. Da domenica pomeriggio il sito dell’istituto scolastico (www.iistorriani.gov.it) è stato bloccato a seguito dell’intervento di pirati informatici che, oltre a renderlo inaccessibile, hanno anche ‘caricato’ un proclama in lingua inglese nel quale gli autori si scagliano con toni forti contro i governi mondiali, illustrando una sorta di congiunra internazionale a scapito delle popolazioni e della democrazia.
«La prima segnalazione è arrivata da alcuni studenti che domenica non sono riusciti ad entrare nel sito», spiegato ieri pomeriggio Ida Monini, una delle insegnanti dell’Itis. «I tecnici sono messi al lavoro ma è anche partita la segnalazione alla Digos e alla Polizia postale, che hanno iniziato a raccogliere elementi utili per capire di cosa si tratta. Di fatto il proclama inserito ricorda quelli semiterroristici». Rimettere in sesto il sito della scuola, delle più frequentate della città che proprio tramite la rete fornisce ogni giorno informazioni a centinaia di studenti e genitori, si è rivelata cosa tutt’altro non facile. E non soltanto per i limiti imposti in questa ase dagli inquirenti della questura.
Se dal punto di vista del messaggio gli uomini della Digos hanno raccolto ogni elemento utile, poi valutato alla luce delle più recenti tendenze per quel che concerne queste forme di comunicazione non proprie, spesso provenienti dall’estero, sulla parte più prettamente tecnca il grosso del lavoro spetta agli agenti della postale. Gli uomini guidati dall’ispettore Alberto Casarotti hanno una notevole esperienza e possono percorrer eall’inverso molti dei passaggi che, sulla rete, hanno permesso di entrare nel cuore del sito dell’Itis. Pare, tra l’altro, che in queste ore si siano moltplicati gli attacchi ai siti itituzionali (quelli con il .gov). Un anno fa esatto una vicenda del tutto simile, ma dalle conseguenze più limitae, è accaduta al sito ufficiale del Teatro Ponchielli. Il 20 novembre 2013 la pagina internet del teatro è stata messa ko, del tutto inutilizzabile, per oltre tre ore (quasi tutta la mattinata). Sulla homepage è comparsa una finestra bianca che ha bloccato ogni ulteriore accesso e obbligato l’utente a cliccare proprio su quello spazio, che ha portato alla connessione con un video caricato su Youtube, il sito dove sono presenti milioni di filmati di ogni tipo. Il video all’apparenza non aveva alcun legame con il teatro e anche l’azione degli hacker non ha trovato alcuna spiegazione plausibile, —aveva spiegato a poche ore dall’ attacco dei pirati informatici Barbara Sozzi, responsabile dei rapporti con la stampa del teatro cremonese.

 

17 Novembre 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000