il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASTELLEONE

Ruba gli attrezzi da un furgone, inseguito e arrestato dai Cc

In manette è finito un 44enne residente a Spino d’Adda

Ruba gli attrezzi da un furgone, inseguito e arrestato dai Cc

Gli attrezzi rubati e recuperati

CASTELLEONE — Inseguito e arrestato dopo il furto di attrezzi da lavoro da un furgone in sosta avvenuto giovedì 30 ottobre. M.F., 44enne residente a Spino d’Adda, è trattenuto nelle camere di sicurezza della caserma dei carabinieri di Castelleone. Il luogotenente Fioravante Vilei e i suoi uomini l’hanno catturato all’incrocio fra via Manenti e via Bressanoro, nel cuore del centro abitato: stando a quanto ricostruito dagli uomini dell’Arma, aveva appena prelevato da un Ford Transit parcheggiato in strada una borsa di piena di trapani Hilti e una motosega.

Bottino dal valore commerciale di oltre 3mila euro, facilmente piazzabile sul mercato nero. Le manette sono scattate al termine di un’operazione fulminea e, operativamente, perfetta.

Verso le 11.30, allarmati dalle grida di una donna «Sta scappando, sta scappando», i militari impegnati in un servizio di pattuglia proprio in quella zona, si sono fatti indicare la direzione di fuga del 44enne (già noto alle forze dell’ordine per altri precedenti penali) e dopo un breve inseguimento l’hanno fermato.

Della refurtiva, poi rinvenuta in una siepe non lontano dalla ferrovia, l’uomo se n’era già liberato. I carabinieri ipotizzano che possa aver utilizzato la stessa tecnica anche per altri colpi, ma al momento mancano i riscontri. Ora deve rispondere di furto aggravato (per asportare gli arnesi dal furgone ha rotto il finestrino con un martelletto frangivetro, poi sequestrato), accusa che gli verrà contestata stamattina durante il processo con rito direttissimo celebrato davanti al tribunale di Cremona. Decisiva, anche in questo caso, si è rivelata la collaborazione fra cittadini e uomini dell’Arma: la segnalazione della donna e l’immediata reazione della pattuglia dimostrano che non c’è motivo di aver paura nel dare l’allarme. E’ la prima e più efficace forma di prevenzione dei crimini.

30 Ottobre 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000