il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Tentano furto in casa, ladre bloccate dai passanti e arrestate

La figlia dei proprietari lancia l'allarme, due donne trattenute in strada fino all'arrivo di carabinieri e polizia

Tentano furto in casa, ladre bloccate dai passanti e arrestate

Via Sant'Erasmo a Cremona (Street View)

CREMONA - Si sono introdotte in una abitazione del centro e, mentre passavano in rassegna i locali, hanno fatto cadere un piattino metallico richiamando l'attenzione della figlia dei padroni di casa. Le urla della donna hanno messo in allerta alcuni passanti che, appena hanno visto le ladre fuggire, le hanno bloccate e trattenute fino all'arrivo di carabinieri e poliziotti. I militari hanno così potuto arrestare L.V. (21 anni) e T.C. (26 anni) entrambe nomadi e originarie della Croazia.

Il colpo - a testimonianza dell'ormai conclamata spregiudicatezza dei ladri - è avvenuto alle 11.30 in via sant'Erasmo, la strada che collega via Manini e via Aporti. Le donne riescono ad entrare nella casa scelta come obiettivo del furto. All'ingresso trovano un mazzo di chiavi utili per accedere ad altre stanze dell'abitazione. Nell'allungare le mani verso le chiavi, però, le ladre fanno cadere un piattino metallico sul quale sono appoggiate. Il rumore viene avvertito dalla figlia dei padroni di casa che, in quel momento, si trova in una stanza vicino, Pensando che si tratti di un rumore prodotto dal vento, la donna decide comunque di verificare l'origine del suono e mentre si avvicina avverte le voci di due persone.

Avuta la certezza che si tratta di ladri si precipita ad una finstra chidendo aiuto. Le straniere si danno precipitosamente alla fuga, ma una volta giunte in strada vengono prontamente bloccate da alcuni passanti che le trattengono fino all'arrivo delle pattuglie di carabinieri e poliziotti.

Condotte in caserma, i militari riescono a ricostrutire i contorni della vicenda e squestrano due cacciaviti e un rudimentale attrezzo in plastica adoperato per aprire le serrature. Al vaglio degli inquirenti, ora, c'è l'ipotesi che le nomadi possano essere le autrici della serie di furti in appartamento messa a segno nelle ultime settimane in varie zone di Cremona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

22 Ottobre 2014

Commenti all'articolo

  • They

    2014/10/23 - 07:07

    Ma sono zingare e quindi tutelate dalle leggi italianei, scommetto che sono già in giro per Cremona a cercare altri obiettivi.

    Rispondi

  • arcelli

    2014/10/23 - 01:01

    Siamo stati razzisti come al solito ad arrestarle,bisogna lasciarle libere di svolgere il proprio ruolo sociale che é delinquere.Potrebbero essere utilizzate come volontarie per testare il vaccino di ebola

    Rispondi

  • alessandro

    2014/10/23 - 01:01

    il colore della casacca di chi ci rappresenta è irrilevante in questo caso. due ladre/i sono solo due ladre/i e come tali vanno trattate. Piuttosto un complimento al coraggio della signora che ha avuto il sangue freddo di reagire ed un plauso ai passanti che si sono esposti ed hanno compiuto un gesto di alto valore civile. bisognerebbe prendere esempio da loro e reagire nello stesso modo ogni volta che malauguratamente si dovesse assistere ad un evento del genere

    Rispondi

  • xxx

    2014/10/22 - 19:07

    una domanda sorge.... non è che Cremona sta facendo il gemellaggio con la Milano di Pisapia e la capitale di Marino......??????...........

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000