il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Accoglienza profughi, attese in città altre 19 persone

In larga parte troveranno sistemazione a Gabbioneta Binanuova e la restante parte in altri alloggi in provincia

Accoglienza profughi, attese in città altre 19 persone

CREMONA - Cremona è pronta per l’ennesimo contributo all’emergenza profughi: partiti alle quattro della notte da Vibo Valentia, in bus, arriveranno nel primo pomeriggio di mercoledì 22 ottobre nel centro della Croce Rossa di Bresso e sono attesi intorno alle 18 in questura 19 migranti. Immediatamente, dopo il lungo viaggio fra la Calabria e la Lombardia, saranno sottoposti al fotosegnalamento e, quindi, ai controlli medici. Già definita, sulla base del protocollo di intesa sottoscritto di recente tra Prefettura, Comuni e Caritas, anche l’accoglienza: larga parte del contingente, uno dei più numerosi fin qui destinati alla provincia, troverà posto in una struttura di Gabbioneta Binanuova e la restante parte in altri alloggi distribuiti sul territorio. Al momento, con il prefetto Paola Picciafuochi e il capo di gabinetto Beaumont Bortone in contatto diretto con il ministero, non si conosce ancora la nazionalità degli immigrati.

22 Ottobre 2014

Commenti all'articolo

  • arcelli

    2014/10/22 - 17:05

    Sottoporre a referendum se gli Italiani son così felici e disposti a portarsi in casa tutti questi soggetti. Ma dove sta scritto che noi DOBBIAMO e basta??? Ditecelo. Finiamola con queste operazioni che mettono a rischio convivenza sociale,equilibri sanitari e di degrado giá elevati. Chissenefrega se questi stan male,allora portiamo qua tutti gli iracheni,i tibetani,i cingalesi,i birmani................etc etc etc

    Rispondi

    • They

      2014/10/23 - 07:07

      D'accordissimo, invece di referendum inutili e fantasiosi, proponete quesiti che stanno a cuore agli italiani. Del resto neppure l'1% dei profughi arriva da zone di guerra, quindi gli altri andrebbero subito rimpatriati e non dimentichiamoci che molti arrivano da zone in cui potrebbe anche svilupparsi il virus ebola.

      Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000