il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Autovelox di via Persico, bocciata la mozione della Lega

Votano contro 24 consiglieri su 32, il documento chiedeva lo spegnimento temporaneo e la ricerca di soluzioni alternative

Autovelox di via Persico, bocciata la mozione della Lega

L'autovelox fisso in via Persico a Cremona

CREMONA - E' stata bocciata con il voto contrario di 24 consiglieri su 32 (due a favore e sei astenuti) la mozione presentata lo scorso 8 luglio dai consiglieri del gruppo Lega Nord (primo firmatario Alessandro Carpani) in merito all’autovelox fisso di via Persico Durante il consiglio comunale di lunedì 13 ottobre sono state illustrate le motivazioni della bocciatura.

La mozione chiedeva di "spegnere temporaneamente l'autovelox, trovando soluzioni alternative al luogo di installazione e al limite di rilevazione dell'apparecchiatura stessa". Carpani è partito dall'assunto che "l'installazione di autovelox ha come unico scopo quello di sanzionare l'automobilista indisciplinato", rilvenado che l'apparecchiatura è stata installata "verso la fine del quartiere Maristella dove non ci sono più abitazioni e dove il limite di velocità è 50 Km/h e che nello stesso tratto di strada di via Persico, sempre nel quartiere Maristella, è già installato un semaforo intelligente la cui funzione è quella di limitare la velocità di percorrenza dei veicoli". Dal momento dell'accensione dell'occhio elettronico, la primavera scorsa, si è verificata una "strage di automobilisti senza risolvere il problema della velocità dei mezzi transitanti nelle zone adiacenti le abitazioni" oltre al fatto che il limite di velocità di 50 Km/h del tratto in esame non è coerente con una strada dove non ci sono abitazioni o attività produttive".

Dopo l’illustrazione della mozione da parte del consigliere Alessandro Carpani, ha preso la parola l’assessore con delega alla Sicurezza Barbara Manfredini spiegando che già la precedente Amministrazione aveva optato per questa scelta, motivata dalla sicurezza e tutela delle persone, tenendo conto che, con la realizzazione della nuova chiesa, è stato realizzato un nuovo passaggio pedonale: questo ha aumentato la necessità di una tutela ancora maggiore. L’assessore ha aggiunto che il semaforo precedentemente installato non aveva sortito l’effetto di rallentare la velocità degli atutomobilisti, velocità che continuava ad attestarsi sui 90 – 100 km/h. L’Ufficio Mobilità del Comune ha inoltre ritenuto, per la conformazione di quel tratto stradale, opportuno introdurre il limite a 50 km/h, uniformando la situazione a quella in vigore a Persichello. L’assessore Manfredini ha concluso che non vi è alcuna volontà di fare cassa, ma solo di tutelare le incolumità delle persone, nonché di abituare chi guida a prestare attenzione e rispettare i limiti di velocità. Segnalatori di rallentamento saranno necessari in alcune zone cittadine per motivi di sicurezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

13 Ottobre 2014

Commenti all'articolo

  • arcelli

    2014/10/14 - 10:10

    cari Cremonesi adesso le multe le pagate e tutte,avete votato e voluto questi del Pd:bene,adesso teneteveli insieme alle zozzerie del centro che è morto,sporco,di proprietà degli immigrati che sono in maggioranza e dei rom che "lavorano" in centro anche loro.Chi è causa del suo mal.....................io a Cremona non ci vengo più e preferisco altre realtà un po' più tenute e curate,anche perchè il centro è veramente desolante

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000