il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


BONEMERSE

Alla Ferraroni due operai sepolti dal mais

Alla Ferraroni  due operai  sepolti dal mais

La Ferraroni di Bonemerse

BONEMERSE - A causa di un cedimento strutturale del silos in cui stavano lavorando, due operai hanno perso la vita, restando sepolti vivi sotto il mais.

L'incidente si è verificato ieri sera (venerdì 27settembre)  intorno alle 23 alla Ferraroni Mangimi di Bonemerse. Le due vittime sono Giuseppe Vezzoli, 53 anni, di Stagno Lombardo e Francesco Lissignoli, 48 anni, di Bonemerse.

Grande mobilitazione dei mezzi di soccorso: gli addetti del 118 per ore si sono prodigati per cercare di salvare i due uomini. Sono intervenute le pattuglie dei carabinieri di Sospiro e della compagnia di Casalmaggiore. A questi ultimi sono affidate le indagini sul grave episodio.

Da una prima ricostruzione ufficiale dei fatti sembra che i due operai - proprio addetti agli essicatori - abbiamo notato del mais per terra e sentito dei rumori. Proprio nel momento in cui si trovavano sotto il silos, quest'ultimo - che conteneva 700 tonnellate di mais - è colassato travolgendoli. I due operai sono rimasti sotto 300 tonnellate di mais.

I mezzi di soccorso sono stati allertati dai colleghi dei due uomini con non vedendoli rientrare si sono allarmati. I vigili del fuoco hanno impiegato oltre un'ora per estrarre Vezzoli e Lissignoli i cui corpi sono stati localizzati grazie agli strumenti impiegati nelle valanghe.

Cgil Cisl Uil di Cremona e le categorie del settore agroalimentare Fai Flai e Uila, hanno inviato un comunicato per esprimere il più profondo cordoglio per la tragedia occorsa presso lo stabilimento Ferraroni , sottolineano quanto il lavoro continui a pagare un prezzo inaccettabile in termini di vite umane. "Si tratta dell’ennesimo inaccettabile episodio che evidenzia quanto sia sempre prioritario investire in prevenzione e in sicurezza, materia che spesso, soprattutto in una fase di crisi , è oggetto di un contenimento dei costi che si ripercuote sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. Pur lasciando agli organi preposti tutte le verifiche di merito e l’accertamento delle responsabilità sull’accaduto, riteniamo il fatto tra i più gravi mai accaduti sul lavoro nella storia della comunità cremonese. In questo momento il primo pensiero va ai famigliari delle vittime a cui va tutta la nostra vicinanza".

Leggi di più su La Provincia di domenica 28 settembre

27 Settembre 2014

Commenti all'articolo

  • Franco

    2014/09/27 - 11:11

    grande dolore

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000